Compiti per casa: migliorarli o abolirli?

Per evitare che i compiti per casa siano fonte di rabbia e nervosismo per i ragazzi – ma anche per i genitori – gli insegnanti dovrebbero assegnare agli allievi lavori "motivanti". Di Angelica Moè

di Redazione GiuntiScuola · 20 dicembre 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
3 min read

Lo dice la parola stessa: compito (etimologicamente ‘da eseguire’ e con fatica). È così anche in altre lingue. Per non andare molto lontano: homework ( lavoro da eseguire a casa) e devoir (dovere).

I compiti vengono valutati come meno piacevoli e più noiosi rispetto alle lezioni e sono inoltre fonte di rabbia ed ansia ( Goetz et al., 2012 ). Ma non basta! Gli stessi genitori provano più nervosismo , fastidio e rabbia nei giorni in cui ci sono compiti rispetto a quelli in cui sono sollevati da

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it