Come predisporre spazi "naturali" al nido?

Scegliere i materiali e allestire gli interni e il giardino.

di Redazione GiuntiScuola · 07 ottobre 2019
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

I nidi e gli spazi gioco sono luoghi dove si costruiscono relazioni significative, dove si intrecciano storie ed esperienze uniche tra adulti e bambini, luoghi dove si può abitare con intensità come ci dice Bachelard ne La poetica dello spazio.

 

In questo periodo dell'anno, i servizi educativi accolgono le famiglie e i loro bambini, un'accoglienza relazionale che si realizza anche attraverso l'organizzazione di spazi e materiali caldi e familiari, ricchi di stimoli.

 

Predisporre spazi dentro e fuori con materiali naturali


È fondamentale che gli spazi parlino del valore che attribuiamo alla natura all'interno del nostro progetto educativo.

Partiamo dall'ingresso e dagli spazi condivisi dagli adulti, dove è importante creare immediatamente un impatto positivo di accoglienza calda e di richiamo alle esperienze reali all'aperto e in natura che quotidianamente i bambini fanno o faranno. Utilizziamo materiali di recupero e naturali: pezzi di legno di varie misure, cortecce, rametti, sassi, piante e fiori, cassette della frutta di legno che sono parte delle esperienze sensoriali dei loro bambini; oppure materiali assemblati quali pennelli naturali per dipingere, sezioni di tronco, mortai di legno.

 

  

Nello spazio all'aperto e nel giardino possiamo allestire zone che offrano differenti possibilità ai bambini: movimento, gioco libero, narrazione, esplorazione, attività che consentano ai bambini di mettersi alla prova imparando a gestire rischi alla loro portata, Vygotsky direbbe nella loro zona di sviluppo prossimale.

  

 

    

La riflessione del gruppo educativo


Scegliere quali materiali e complementi naturali da predisporre nel giardino e all'interno richiede una riflessione del gruppo di lavoro educativo che analizzi il contesto: aspetti pratici, ambientali e soprattutto che tenga conto delle competenze e consapevolezze individuali e di gruppo che richiede lo stare all'aperto con i bambini. Per cui potremo scegliere di allestire sezioni di tronco, dove far saltare e camminare i bambini, o disposti per creare un supporto alla fangaia; o montare una tenda per creare uno spazio di piccola comunità e di intimità; o un riparo a ridosso di una siepe; oppure una montagnetta di terra per sostenere la motricità naturale dei bambini; o ancora un orto sinergico e le erbe aromatiche.

 

I genitori, i nonni sono alleati fondamentali per allestire il giardino con oggetti e materiali naturali: dalla progettazione, al recupero, alla loro messa in opera. Dobbiamo allora creare occasioni affinché lo possano condividere con i loro bambini.

Per le fotografie si ringraziano il nido Il Seme ( coop. Arnera/Infanzia Servizi) e i nidi Acquario e Pulcino ( coop. La Luce) del Comune di Lucca.

 

 

 

Nido d'infanziaambienteNaturadocente

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it