Come avvicinare i bambini a scuola al "giocattolo poetico"

L'atteggiamento giusto è quello suggerito da Rodari, che si definisce un “filastroccaro” e chiama le proprie composizioni “poesie per ridere” o “poesie per isbaglio"

di Carla Ida Salviati · 03 dicembre 2018
0 0

Mi piace

REGISTRATI ACCEDI

0
1 min read

Mi capita spesso, incontrando insegnanti, che qualcuno mi chieda se sia lecito usare la poesia a scuola , in quella primaria in ispecie. Io in effetti tendo ad essere un po’ reticente sulla questione . Intanto bisogna intendersi sugli scopi.

Se lo scopo è la recita ben ordinata alla famigliola riunita dal cenone natalizio, per commuovere i nonni sulle doti del proprio virgulto, allora nessuno ha bisogno di me: basterà ammodernare la tradizionale Notte Santa con il rodariano Pelleros