Costruiamo un teatrino delle ombre: la giornata di Babbo Natale

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [F3FRKTIJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [LKKIBJR2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [BDPIFK3G] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Costruiamo un teatrino delle ombre: la giornata di Babbo Natale

Una scatola, la carta-forno, le sagome ritagliate... Basta poco per inventare una storia da mettere in scena con i bambini. Con tante parole importanti per chi si avvicina alla lingua italiana. DI Antonio Di Pietro

teatrino ombre babbo natale di pietro

Durante il gioco autonomo dei bambini predispongo un angolo per leggere “Babbo Natale” (di Briggs) a un piccolissimo gruppo. Più volte leggo questo libro a fumetti, ogni volta con pochi bambini. Tutti hanno voluto, con i propri tempi, partecipare a questo a momento.

Parole da ritagliare

Insieme pensiamo cosa fa Babbo Natale dal momento in cui si sveglia al momento in cui parte per portare i regali.
Cerco di mantenere l'attenzione sulle parole del quotidiano, necessarie per chi sta iniziando ad avvicinarsi alla lingua italiana.
Così, viene fuori la storia di Babbo Natale che si sveglia (senza dentiera, come nel libro di Briggs), si veste... ma poi ha un imprevisto: gli cade il caffè e si sporca i vestiti. Prendo un cartoncino e con le forbici “ritaglio le parole” dei bambini: le mutande, il maglione, gli stivali...
 Ad ogni ritaglio, con lo scotch, attacco una cannuccia senza spiegare il perché.

 
 

 Un teatrino delle ombre

 Mostro ai bambini una scatola da camicia tagliata e forata. Attacco sul coperchio tagliato la carta forno. Con i ferma campioni unisco le due parti della scatola. Costruisco davanti agli occhi dei bambini un “teatrino delle ombre”.

 

La nostra storia di Babbo Natale

Predispongo il teatrino con dietro una luce led. Preparo le “parole ritagliate” per fare le ombre. Spengo la luce per raccontare la storia pensata con i bambini. Una storia che provo a raccontare ripetendo il più possibile quelle parole che alcuni bambini stanno imparando a dire in italiano. Parole per nominare e narrare (in un secondo momento mi dedicherò a quelle per descrivere).
Poi, quando accenderò la luce chiederò di venire al mio posto.


 

Per saperne di più

Briggs R., Babbo Natale, Edizioni EL, Trieste 1973


 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola