Razzismo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [MUFJ2VZK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [6N4UI45V] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [C58Q81BI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Per crescere antirazzisti basta leggere buoni libri? Cosa ha fatto e può fare la scuola?

Alicia Martin_ Jardines 4

Mi telefona una professoressa di scuola superiore, sa che un poco mi sono occupata di lettura. Mi chiede se posso fornirle una cinquantina di titoli adatti ai ragazzi, libri che parlino di multicultura, tolleranza, razzismo ecc.

"Son preoccupata," aggiunge “perché quando a scuola abbiamo fatto il minuto di silenzio per i naufraghi di Lampedusa, un gruppo di miei alunni ha aderito proprio senza entusiasmo. Poi qualcuno ha sbottato: ‘Beh, duecento negri di meno!’”.

Certo, c’è da restare agghiacciati. Ho però risposto alla collega che, pur credendo profondamente nell'importanza della lettura, non sono convinta che BASTI LEGGERE per crescere antirazzisti. Il libro non è un infallibile toccasana.

Ma soprattutto e prima di tutto dovremmo interrogarci su che cosa ha saputo fare la scuola per quegli adolescenti, da quando e come si è preoccupata di farne persone non razziste.

Perché si incomincia da piccoli, anzi da piccolissimi, a crescere cittadini; e la malaerba del razzismo, una volta seminata negli atti quotidiani più innocui, è la più dura da estirpare. 

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    arturo.ghinelli

    21:21, 26 Ottobre 2013
    Non basta leggere bisogna vivere insieme,studiare insieme,conoscersi. I bravi maestri non sono indispensabili,ma aiutano