Chi di PTOF ferisce di PTOF perisce

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [9SG1LTJA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [I83XHE2J] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [76HEJRWW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Ha fatto scalpore la scuola con alunni di "alta borghesia", "figli di colf e badanti"... Ma sono le stesse norme ministeriali che sollecitano le scuole a descrivere il contesto in cui operano. Di Mario Maviglia 

corridoio ingresso scuola orizzontale

Ha suscitato un certo scalpore quanto riportato da un istituto comprensivo di Roma nel proprio PTOF per presentare i vari plessi in vista delle iscrizioni degli alunni. Due descrizioni in particolare sono state oggetto di aspre critiche.

Nella prima si dice che “la sede di via AB e il plesso di via CD accolgono alunni appartenenti a famiglie del ceto medio-alto, mentre il plesso di via EF, situato nel cuore del quartiere popolare di XY, accoglie alunni di estrazione sociale medio-bassa e conta, tra gli iscritti, il maggior numero di alunni con cittadinanza non italiana”. Nella seconda si afferma che “il plesso di via GH accoglie, invece, prevalentemente alunni appartenenti a famiglie dell’alta borghesia assieme ai figli dei lavoratori dipendenti occupati presso queste famiglie (colf, badanti, autisti, e simili)”.

Le parole della ministra Azzolina

Sulla vicenda si è scatenata la rete con una serie di osservazioni critiche; la stessa Ministra Lucia Azzolina in un tweet ha stigmatizzato l’accaduto scrivendo che “la scuola dovrebbe sempre operare per favorire l’inclusione. Descrivere e pubblicare la propria popolazione scolastica per censo non ha senso. Mi auguro che l’istituto romano possa dare motivate ragioni di questa scelta. Che comunque non condivido”.

 

 

 

I dati richiesti alle scuole

Ogni lettore può farsi una propria idea della vicenda crede analizzando la documentazione a disposizione; qui vogliamo esprimere alcune considerazioni richiamando quanto viene richiesto alle scuole. La nota Miur n. 17832 del 16/10/2018 detta istruzioni per la redazione del PTOF 2019/2022. Viene proposta una struttura di PTOF articolata su cinque sezioni, la prima delle quali riguarda “La scuola e il suo contesto”. La stessa piattaforma Scuola in chiaro (da cui i genitori possono attingere i dati riguardanti la scuola prescelta) dedica una specifica sezione a “Analisi del contesto e dei bisogni del territorio”. All’interno del RAV online, inoltre, i dati relativi alla “Popolazione scolastica” e “Territorio e capitale sociale” vengono caricati direttamente dall’Invalsi. Insomma, sono le stesse norme ministeriali che sollecitano le scuole a descrivere il contesto in cui operano per aiutare i genitori a fare una scelta più oculata e documentata ai fini dell’iscrizione dei propri figli. Ovviamente questa descrizione può essere fatta in tanti modi e non necessariamente tutti corretti o incisivi. Ma non va trascurato che la scuola non è un centro di ricerca in sociologia. La stessa descrizione utilizzata dalla scuola incriminata (descrizione sicuramente infelice sul piano comunicativo) probabilmente fa riferimento a un dato di fatto che caratterizza le diverse scuole del territorio di pertinenza. Forse in questi casi, la cosa migliore è riportare i dati di contesto così come vengono forniti dall’Invalsi, nudi e crudi, e ogni soggetto interessato farà le interpretazioni che riterrà più congrue.
 

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    gjones

    21:58, 25 Aprile 2020
    Colleges around the usa have conventional and will continue to simply accept excessive faculty diplomas from college students who have accomplished their paintings online. There's a trap, but: with a view to be broadly regularly occurring a degree must come from an online college that has accreditation from the proper regional board.  https://www.assignmentsquare.co.uk/
  • avatar

    gjones

    21:58, 25 Aprile 2020
    Colleges around the usa have conventional and will continue to simply accept excessive faculty diplomas from college students who have accomplished their paintings online. There's a trap, but: with a view to be broadly regularly occurring a degree must come from an online college that has accreditation from the proper regional board. assignment square
  • avatar

    jmelda

    7:6, 5 Marzo 2020
    It is undisputed that Article Review Writing Services pose challenges for students because preparation takes into consideration a lot of details needed for Article Review Paper Writing Services and in-depth knowledge on the topic in order to come up with a Article Review Writing Help Services.