La maschera di Pinocchio

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [3848T8X7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [REY3H1D7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [GVT2L8F3] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

La maschera di Pinocchio da fare insieme e una filastrocca... per festeggiare il Carnevale!

orecchie2

Dopo aver realizzato la maschera di Pinocchio (vedi post precedente), continuiamo a giocare con il burattino più famoso di sempre. 

 

 

Che bello…c’è anche il suo cappello!

 

 

E quando Pinocchio fa il birbone… diventa un asino orecchione!

Dopo aver ritagliato le maschere e realizzato i cappelli con semplici piegature origami, ritorniamo alla storia per inserire una divertente variabile: le orecchie da asino che spuntano sulla testa di Pinocchio. Stampiamo su cartoncini pesanti le orecchie del disegno e dopo averle ritagliate le facciamo colorare ai bambini con i pastelli a cera o i pennarelli.

          


Applichiamo i lunghi orecchioni sul cappello di ciascuno, mentre rievochiamo insieme il seguente passo tratto dal libro: ”la sorpresa fu che a Pinocchio, svegliandosi, gli venne fatto naturalmente di grattarsi il capo; e nel grattarsi il capo si accorse...si accorse, con suo grandissimo stupore, che gli orecchi gli erano cresciuti più d’un palmo.”
Invitiamo i bambini a indossare la maschera e il cappello, scelto fra quello semplice o quello con le orecchie da asino, poi a tutto il gruppo riunito in cerchio, leggiamo una filastrocca di presentazione del nostro amico Pinocchio…da ascoltare, riadattare e sceneggiare tutti insieme:

ECCO PINOCCHIO!

Cari bambini, io mi presento:
mi chiamo Pinocchio e non mi lamento.
Sono un simpatico e bel burattino
che ogni tanto fa il birichino.
Ho il naso lungo fatto di legno
come una matita per il disegno.
Abito dentro un libro importante
con molti amici e un grillo parlante.
Quando il lettore le pagine sfoglia
di uscire fuori ci prende la voglia,
così con mossa veloce e scaltra
subito una mano ne prende un'altra
e tutti uniti in un girotondo
ci presentiamo ai bimbi del mondo!
 

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola