Corona, bacchetta e zucca: giochiamo con Cenerentola

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [QLRZAAXQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [AW5FZATN] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [Y866ZRUA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Prendiamo spunto dal poster calendario dedicato a Cenerentola per creare oggetti "fatati". Accompagnati da una filastrocca.

corone

Cenerentola ci ha fatto compagnia con il poster calendario di marzo: adesso possiamo creare insieme la corona, la bacchetta fatata e la carrozza-zucca!

Uno due tre… corona da regina o da re !

Materiale occorrente:


* Cartoncino bianco pesante
* Fili colorati di lana
* Acquerelli e pennelli

 

Stampiamo su cartoncini bianchi di grammatura pesante (160/200 grammi) le sagome stilizzate delle corone e dopo averle ritagliate le distribuiamo ai bambini, che utilizzando gli acquerelli, si divertono a personalizzarle con tenui decorazioni.
Quando il colore è ben asciutto, realizziamo su ogni lato della corona un foro, nel quale poi passiamo due o tre grossi fili di lana che ci serviranno per fissare sulla testa del “re” o della “regina” la relativa corona.


 

Cenerentola Cenerella 
Sei sempre la più bella...

Cenerentola Cenerella
Sei sempre la più bella
Tutto il giorno in cucina
Con la veste cinerina
A preparare le frittelle
Per le due brutte sorelle
A raccogliere gramigna
Per la perfida matrigna
Poi i letti da rifare
E lo straccio da passare
Mentre le altre vagabonde
Ai capelli si fanno le onde
E si preparano alla festa
Con fiocchi e nastri sulla testa
Tutto il giorno a lavorare
Senza niente da indossare
Poi arriva inattesa
Una soffice sorpresa
Un vestito blu pastello
Per andare al castello
Mentre una carrozza d’oro
L’accoglie come un tesoro
Da portare al grande ballo
Con le scarpe di cristallo
Dove incontra il principino
Che la segue da vicino
Su di lei son tutti gli occhi
Quando battono i rintocchi
Che la fanno andar di fretta
Anche senza una scarpetta
Ma bussando alla sua porta
Il principe subito gliela riporta
E così come da promessa…
Cenerentola diventa principessa!

 

Una bacchetta fatata… allegra e colorata!

Avere una bacchetta è troppo importante, per questo mettiamoci al lavoro e insieme ai bambini realizziamo questo prezioso strumento dai poteri straordinari.
Sopra ad una stella di cartoncino incolliamo una forma rotonda di colore rosa che rifiniamo con occhi adesivi, naso e bocca. Fissiamo questa sagoma ad una grossa cannuccia e completiamo il tutto con strisce di tessuto o cordoncini colorati. La bacchetta magica è pronta, adesso pensiamo a come utilizzarla.

 

 

Cenerentola… in carrozza!

Ed ora con alcuni semplici materiali divertiamoci a realizzare una fantasiosa carrozza per accompagnare Cenerentola al castello.
Sopra un cartoncino colorato incolliamo un sottotorta effetto pizzo e ripensando alla carrozza-zucca, aggiungiamo in alto un grosso picciolo verde di carta precedentemente ritagliato, poi completiamo il tutto con due grossi bottoni al posto delle ruote. Adesso non ci rimane che incollare al centro il ritratto di Cenerentola e dopo avere agitato la bacchetta magica e recitato la frase rituale “Bibbidi Bobbidi Bu”…sperare che la carrozza parta davvero!

 

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola