Valutazione e potenziamento delle abilità visuo-cognitive, un corso di formazione

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [BPYM7FAD] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [IS7X16YC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [LYIKX68Y] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Valutazione e potenziamento delle abilità visuo-cognitive, un corso di formazione

A Verona, i prossimi 24 e 25 maggio, Irene Mammarella e Ramona Cardillo Centra terranno due giornate di formazione sul disturbo di elaborazione visuo-spaziale in età evolutiva (Disturbo Non Verbale)

Irene Mammarella e Ramona Cardillo Centra terranno due giornate di formazione sul disturbo di elaborazione visuo-spaziale in età evolutiva (Disturbo Non Verbale)

Il corso (a Verona, i prossimi 24 e 25 maggio)  è utile per acquisire conoscenze sul disturbo visuo-spaziale, che caratterizza spesso i bambini con DSA o più in generale con difficoltà di apprendimento, impattando in maniera trasversale su tutte le attività di natura scolastica.

Il programma


Prima giornata
• Il Distubo visuospaziale (Nonverbale): definizione, criteri diagnostici, novità a livello internazionale rispetto alla classificazione del disturbo e traiettorie evolutive.
• La diagnosi differenziale con altri disturbi del neurosviluppo: ADHD, Disturbi dello spettro dell’autismo, DSA, Disturbo di coordinazione motoria.
• Strumenti per la valutazione: prove visuo-costruttive, visuo-motorie, elaborazione visuospaziale, attenzione visiva e memoria di lavoro visuospaziale.
• La diagnosi differenziale: presentazione di casi.

Seconda giornata
• Strumenti per la valutazione: prove per valutare la pragmatica del linguaggio; abilità socio-relazionali; aspetti emotivi.
• La diagnosi differenziale: presentazione di casi.
• Presentazione di materiali di potenziamento delle abilità visuo-cognitive.
• Gli apprendimenti scolastici nel Disturbo visuospaziale (Non Verbale): quali aspetti potenziare e quando?
• L’intervento: Presentazione di casi.
Il corso è presente sulla piattaforma Sofia ed è acquistabile con la carta del docente.

Per maggiori informazioni visita la pagina: http://bit.ly/2ZjZnVK

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola