Intervista ad Anna Maria Ajello

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [CF5XG4LA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [JF84USDM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [Q78CIB6L] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
Entro luglio le scuole dovranno consegnare per la prima volta il RAV, il rapporto di autovalutazione. Anna Maria Ajello, Professore Ordinario di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione dell’Università di Roma “La Sapienza” e presidente dell’INVALSI, ci parla dell'importanza della valutazione nella scuola dell’infanzia in occasione del convegno "In classe ho un bambino che..." (Firenze, 6-7 febbraio 2015)
Schermata 2015-07-13 alle 16.31.02

La professoressa Anna Maria Ajello

Anna Maria Ajello, Professore ordinario della Facoltà di Medicina e Psicologia dell'Università di Roma 'La Sapienza' e Presidente INVALSI, ci parla dell'importanza della valutazione e dell'autovalutazione sin nella scuola dell'infanzia, dove si sta pensando di introdurre esperienze pilota.

Ci suggerisce inoltre come questo ordine di scuola, nel momento in cui si autovaluta con correttezza e responsabilità, può far da modello agli ordini più alti: il bambino della scuola dell'infanzia, infatti, con più agio e un grado maggiore di libertà può manifestare noia e insoddisfazione per una lezione, fornendo a scuole, dirigenti e insegnanti preziosi spunti per migliorare.

13 Luglio 2015 Osservazione, Valutazione

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola