Il valore educativo del gioco nella didattica scolastica

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [YGFZ4448] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [XV95EFC1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [NFS56R8V] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Il valore educativo del gioco nella didattica scolastica

Il gioco può essere funzionale per aiutare gli allievi a pensare in modo sistematico e finalizzato al raggiungimento di specifici obiettivi. Le autrici presentano Mind Lab, una proposta pedagogica che racchiude, nella sua metodologia, gli aspetti fondamentali della realizzazione di un piano educativo che includa l’attività ludica.   

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Schermata 02-2457448 alle 12.29.33

Immagine tratta dal sito associazionespio

Per andare incontro alle nuove esigenze di una generazione con bisogni e richieste variegate e complesse è utile che l’istruzione superi l’insegnamento frontale e metta in atto pratiche educative più vicine al mondo degli allievi.

Per questo, nelle varie realtà legate all’istruzione e all’educazione, sempre più spesso si incontrano esperienze legate all’utilizzo del gioco come “congegno educativo” capace di rispondere ai diversi bisogni dell’individuo (siano essi primari o di valorizzazione di processi metacognitivi).

Il gioco, indirizzato verso finalità legate all’apprendimento e al miglioramento/potenziamento di abilità e capacità dell’individuo, è spesso incluso anche nel progetto scolastico e/o nel curricolo didattico di una scuola per arrivare al coinvolgimento e interessamento degli alunni.

Per rendere fruibile l’esperienza ludica all’interno di un percorso di apprendimento è necessario che l’insegnante sappia “mediare”, fare “da ponte” tra la pratica del gioco e le ricadute sul piano della didattica e della vita extrascolastica.

Il gioco può essere funzionale per aiutare gli allievi ad acquisire consapevolezza delle strategie e dei principi che lo regolano e quindi, trasversalmente, per imparare a pensare in modo sistematico e finalizzato al raggiungimento di specifici obiettivi. Di conseguenza, è necessario che l’insegnante sposti il proprio interesse (e quello dei suoi alunni) dal cosa si apprende al come si apprende, rendendo generalizzabili i processi mentali e di ragionamento sperimentati attraverso lo strumento ludico per la risoluzione di determinati problemi.

UNA POSSIBILE PROPOSTA PEDAGOGICA: MIND LAB

Mind Lab (Laboratorio della mente) è una proposta pedagogica che racchiude, nella sua metodologia, i tre aspetti fondamentali della realizzazione di un piano educativo che includa l’attività ludica: 

  • l’utilizzo del “gioco di pensiero”;
  • la figura del “docente-mediatore”;
  • il riferimento ai “modelli metacognitivi” per affinare la propria capacità di pensare.

 

Se sei abbonato puoi scaricare l'articolo completo nella sezione "Approfondimenti" che trovi in cima a questa pagina.

 

Per saperne di più...

Vai al sito Mind Lab Italia

Vai al sito Mindlab-group

Eva Corradini (Pedagogista, responsabile pedagogica e della formazione Mind Lab); Annalisa Poppi (Docente di scuola primaria): 29 Febbraio 2016 Didattica, Strumenti

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola