Il disturbo non verbale: diamo una definizione

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [LCEIF8F1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [KNTFD3LK] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [DLMYJNGV] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Il disturbo non verbale: diamo una definizione

Irene C. Mammarella, dell’Università degli Studi di Padova, anticipa il tema del suo intervento in occasione del convegno di Psicologia e Scuola in programma a febbraio a Milano
mammarella

Lo sviluppo delle abilità relazionali del bambino con disturbo non verbale: è questo l’argomento che Irene C. Mammarella, dell’Università degli Studi di Padova, tratterà in occasione del convegno di “Psicologia e Scuola” che si terrà a Milano l’8 e 9 febbraio. Abbiamo chiesto alla relatrice di fornire ai lettori della rivista alcune anticipazioni sul suo intervento e di dare una definizione di “disturbo non verbale”, a tutt’oggi non completamente riconosciuto dai sistemi di classificazione internazionale.

I bambini con disturbo non verbale presentano una serie di difficoltà a livello visuo-spaziale – spiega Mammarella – le quali si ripercuotono sugli apprendimenti scolastici. Si riscontrano criticità in particolare sulle abilità di calcolo, intese come la capacità di gestire lo spazio nel foglio, sulla corretta scrittura dei numeri in colonna, e sullo svolgimento delle operazioni; nella scrittura si manifestano spesso fenomeni di disgrafia. Ragazzi con disturbo non verbale possono inoltre presentare difficoltà più sfumate nell'ambito della comprensione del testo e nel metodo di studio”.

Diversamente dai bambini con disturbo specifico dell'apprendimento – conclude la relatrice – le loro difficoltà sono meno specifiche e dipendono da tutta una serie di caratteristiche del profilo cognitivo”. 

Il convegno di Psicologia e Scuola

 

Irene C. Mammarella sarà una delle relatrici del convegno organizzato dalla rivista Psicologia e Scuola in partnership con Airipa, con la direzione scientifica di Cesare Cornoldi. L’appuntamento è per venerdì 8 e sabato 9 febbraio 2019 all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Clicca qui per leggere il nostro articolo con tutte le news

A questo link la pagina per iscriversi (scadenza 3 febbraio 2019)

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

07 Gennaio 2019

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola