Didattica inclusiva nella scuola primaria per potenziare la comprensione del testo scritto: un’intervista a Laura Bertolo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [FQ4N8Y7D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [1WR46H6L] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [1GPH1P86] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Didattica inclusiva nella scuola primaria per potenziare la comprensione del testo scritto: un’intervista a Laura Bertolo

Laura Bertolo, Psicologa, Psicoterapeuta e Psicopatologa dell’apprendimento, in occasione del prossimo Convegno “In classe ho un bambino che…” (Firenze, 10-11 febbraio 2017) presenterà un progetto riguardante percorsi operativi di didattica inclusiva nella scuola primaria per potenziare la comprensione del testo scritto. Ecco qualche anticipazione.
favole

Immagine tratta dal sito www.sportingclubostiense.it

Nel corso del prossimo Convegno In classe ho un bambino che… (Firenze, 10-11 febbraio 2017) parlerà di percorsi operativi di didattica inclusiva nella scuola primaria per potenziare la comprensione del testo scritto: può farci qualche anticipazione?

 

Volentieri. L’idea nasce da un progetto di circa sei anni fa, messo a punto a partire dalla richiesta di alcuni docenti della scuola primaria che nelle loro classi avevano sempre più bambini con bisogni educativi individualizzati. Questi insegnanti sentivano il bisogno di identificare quali fattori potevano incrementare la performance degli alunni nella comprensione del testo scritto e in che modo era possibile potenziarli, tenendo conto dei bisogni specifici di tutti gli allievi presenti nella loro aula.

Al Convegno presenterò il percorso che si è sviluppato tenendo conto di questa richiesta, strutturato non solo per il potenziamento dell’abilità di comprensione, ma anche per aiutare i bambini a raggiungere i traguardi previsti come verifica all’interno del mondo della scuola. Il percorso non tiene conto solo degli stili d’apprendimento dei ragazzi: con una prospettiva inclusiva, lavora anche sulla relazione tra gli alunni e tra alunni e insegnanti, considerati come parte integrante della classe.


La didattica inclusiva, in generale, richiede una formazione specifica degli insegnanti?

 

Certamente sì, e per fortuna non mancano le offerte formative e i corsi d’aggiornamento che vanno in questa direzione. Nel progetto che presenterò si parte dall’idea che, nell’ottica della didattica inclusiva, bisogna dare agli insegnanti dei riferimenti teorici e una strumentazione operativa in grado di tenere conto del fatto che la classe ha bisogno di flessibilità. All’interno della flessibilità proposta, poi, ci deve essere attenzione agli obiettivi trasversali necessari, in questo caso, ad acquisire le competenze di comprensione del testo scritto.
 

 

Per saperne di più...

Vai al sito del Convegno In classe ho un bambino che...

27 Gennaio 2017 Apprendimento, Didattica, Relazioni

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola