Le emozioni del Congresso di Psicologia e Scuola

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [RZ26PK9X] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [HRZG5KVD] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [PZ9K85KQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Le emozioni del Congresso di Psicologia e Scuola

L'importanza di trovare un equilibrio fra relazioni più tecniche e quelle di riflessione psicopedagogica, racconti di esperienze significative e workshop operativi. Di Cesare Cornoldi
Cesare Cornoldi 87

Organizzare il Congresso AIRIPA-Psicologia e Scuola (“In classe ho un bambino che…”) ha costituito un notevole impegno, ma pensiamo ne sia valsa la pena. Coinvolgere 130 relatori provenienti da sedi diverse e da matrici culturali differenti ha significato stabilire contatti nuovi, talora complessi, che ci garantivano però un pluralismo e un obiettivo rispetto dei valori cui molto tenevamo, conformemente all’ispirazione della associazione AIRIPA e della rivista Psicologia e Scuola.

E, proprio in questo spirito di rappresentatività, è stato importante per noi riuscire ad avere un equilibrio fra relazioni più tecniche e strettamente ancorate alla ricerca psicopedagogica di base, relazioni di riflessione psicopedagogica, racconti di esperienze significative e workshop operativi.

Questo ci ha permesso di costruire un programma che, benché denso, possa risultare vario e mantenere alto il piacere della partecipazione fino ai due momenti piacevoli di conclusione delle due giornate, le profonde comiche immagini che porteranno Nichetti e il coro del progetto illuminato Abreu.

Quante emozioni per due sole giornate! Vi aspettiamo per condividerle insieme.

Tutti gli articoli preparatori al convegno di Psicologia e Scuola

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola