Venti anni di Nati per Leggere: "Farlo ad alta voce, insieme, per creare un tempo di qualità"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [4PGNVV68] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [5KW15T25] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [1AWUTCMM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Venti anni di Nati per Leggere: "Farlo ad alta voce, insieme, per creare un tempo di qualità"

Intervista al pediatra Giorgio Tamburlini, uno dei tre padri fondatori del progetto: "Attorno a NpL non solo entusiasmo, ma tanti risultati concreti". A settembre un grande evento celebrativo a Roma. Di Daniele Dei

Siamo ormai entrati nel vivo del ventennale di Nati per leggere, il progetto promosso da da ACP (Associazione Culturale Pediatri), AIB (Associazione Italiana Biblioteche) e CSB (Centro per la salute del bambino), per promuovere la relazione tra genitori e bambini attraverso il libro. Giovedì 26 settembre, all’Università La Sapienza di Roma, si terrà un grande evento nazionale per celebrare questo importante anniversario: la firma di avvio avvenne ufficialmente il 6 novembre 1999 su iniziativa dei presidenti Giancarlo Biasini (ACP), Igino Poggiali (AIB) e Giorgio Tamburlini (CSB). L’obiettivo è quello di promuovere la relazione tra genitori e bambini attraverso il libro: dal 1999 al 2019 si sono formati gruppi operativi territoriali in tutta Italia, che hanno promosso eventi e iniziative dedicate alla fascia Zerosei.

Ad aprile Nati per Leggere ha organizzato un importante incontro di preparazione agli eventi del ventennale in occasione del Bologna Children’s Book Fair. In questa occasione abbiamo incontrato proprio Giorgio Tamburlini (nella foto piccola in alto a destra), uno dei tre fondatori.

 

Che aria si respira in occasione di questo ventennale?

 

Diciamo che tutti un po’ galvanizzati. Ogni giorno, ogni mese che passa, aprono nuovi presìdi di NpL, non c’è solo entusiasmo ma assistiamo anche a risultati concreti. Sempre più bambini e famiglie contattati, aumentano i libri venduti… come dire, venti anni spesi bene!

Un lavoro sicuramente continuo nel tempo. Quando il punto di svolta?

 

La svolta c’è stata proprio all’inizio, quando abbiamo deciso che l’Associazione Culturale Pediatri, le biblioteche e il Centro per la Salute del Bambino, insieme, avrebbero dedicato qualche risorsa a tenere in piedi l'organizzazione. Le idee erano buone, ma ci serve anche l'organizzazione per farle andare avanti. Quindi nell’anno 2000 eravamo già in condizione di assicurare un minimo di staff di segreteria, poi aumentato nel tempo, E ora sono in parecchi che fanno questo lavoro di coordinamento.

Può presentarci le prossime iniziative?

 

Abbiamo molti appuntamenti promossi in tutta Italia, intorno a delle parole chiave che sono state identificate regione per regione. Il clou sarà tra settembre e novembre. A settembre abbiamo un’iniziativa nazionale a Roma con ospiti internazionali, la presenza del Governo e delle istituzioni che si occupano di promozione della lettura. A novembre ritornerà la nostra settimana Nati per leggere con iniziative che si svolgeranno in tutta Italia. Nel 2019 saremo presenti, a cominciare da Bologna, a ben venti diversi Festival di letteratura, per ricordare quello che stiamo facendo e quello che vogliamo fare.

Quanto è importante, anche da un punto di vista pediatrico, leggere ad alta voce?

 

La lettura ad alta voce è fondamentale. Abbiamo veramente un corpo di ricerca molto ponderoso, e che cresce ogni giorno, in cui si dimostra che la lettura condivisa tra genitori, familiari, e il bambino piccolo fin dai primi mesi aumenta in maniera significativa il potenziale di sviluppo cognitivo e le cosiddette soft skills socio relazionali. E poi leggere fa bene alla relazione tra genitori e bambini, perché si crea la possibilità di avere un tempo di qualità che oggi, purtroppo, rischia spesso di mancare.

I prossimi appuntamenti nel dettaglio

 

Domenica 12 maggio NpL sarà al Salone del Libro di Torino in cui si terrà il primo raduno nazionale dei volontari. Dopo il grande evento di Roma, invece, Nati per Leggere sarà tra i partner del 31° Congresso dell’Associazione Culturale Pediatri ospitato a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, sabato 12 ottobre. Infine, mercoledì 20 novembre all’Auditorium Stefano Cerri di Milano sarà presentato il libro "Quando i grandi leggono ai bambini" curato da Angela Dal Gobbo e pubblicato da Donzelli in coedizione con l'Associazione Italiana Biblioteche.

 

Leggi anche:

 

Leggere è... Venti anni di "Nati per leggere" in venti parole, su Sesamo

Venti candeline sulla torta di "Nati per leggere", su Nidi d’Infanzia

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Daniele Dei: 18 Aprile 2019

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola