I bambini ci chiedono di stare all'aperto

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [VQ657237] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [XNV1H5CH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [UHHJDJHY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

I bambini ci chiedono di stare all'aperto

La relazione diretta e continuativa con la natura permette ai bambini di sviluppare il proprio mondo emotivo, le proprie capacità fisiche, sostiene la capacità di creare legami con gli altri e l'ambiente, alimenta l’empatia, la fantasia, la voglia di giocare e di vivere. Di Anna Lia Galardini

I bambini e la natura: Il tema è attuale perché ormai la maggior parte dei bambini vive in aree urbane ed è opportuno discutere tra educatori e i genitori dei vantaggi di un’educazione all’aperto per sostenere un cambiamento di mentalità, nel senso dell’impegno nel restituire ai bambini un contatto sano e continuativo con la natura, creando le opportunità affinché questo possa avvenire.

Sperimentare all'aria aperta

 

Si tratta dunque di riflettere su aspetti che riguardano la relazione educativa con i bambini in senso ampio e sulla necessità di avere fiducia nelle loro possibilità e capacità di crescere attraverso lo sperimentare all'aria aperta le proprie capacità esplorative, motorie ed emotive. È soprattutto fuori che i bambini possono avere esperienze dirette e dare ai bambini la possibilità di imparare dalle proprie esperienze è parte integrante di una buona infanzia.

Il bambino nella natura può imparare ad affrontare situazioni imprevedibili e motivanti che inducono il reale apprendimento.
La relazione diretta e continuativa con la natura permette ai bambini di sviluppare il proprio mondo emotivo, le proprie capacità fisiche, sostiene la capacità di creare legami con gli altri e l'ambiente, alimenta l’empatia, la fantasia, la voglia di giocare e di vivere. Permette di intrecciare gli apprendimenti su diversi piani, cognitivi, motori, espressivi, emozionali. Passare del tempo nell’ambiente naturale migliora il loro stato emotivo, produce benefici per la loro salute, in particolare per la salute psicologica. La natura offre tempo per ascoltare e ascoltarsi rispetto al ritmo frenetico che spesso il mondo adulto impone oggi ai bambini, quindi sostiene le capacità osservative e di ascolto, risorse preziose per la crescita.

L'idea di bambino che abbiamo in mente e che vogliamo coltivare è quella di un bambino sicuro, consapevole delle sue possibilità, che costruisce competenze attraverso il proprio agire. Questo bambino ci chiede di stare più tempo all’aperto, di giocare in libertà, di sfruttare le risorse della natura.

 

 

Foto dal blog Bambini e Natura di Simona Serina  

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola