Con le prime piogge non perdiamo l’abitudine di andare fuori!

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [JGW89FPW] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [APX9XCH5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [JN31P6CY] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Con le prime piogge non perdiamo l’abitudine di andare fuori!

Perché è così importante stare all'aperto anche in autunno e inverno? Come incoraggiare gli educatori a uscire e come convincere i genitori che fuori è meglio? Di Sabrina Gori

In tutti i momenti dell’anno, il giardino è uno spazio stimolante, vario, adatto all’esplorazione e capace di mettere in gioco le competenze dei bambini. Specialmente in inverno, il giardino si presenta ricco di opportunità grazie alle condizioni meteorologiche (pioggia, vento, neve). L’autunno si presenta ricco di stimoli sensoriali, nei colori delle foglie degli alberi, a volte ci sorprende per le impressionanti sonorità, come il vento che soffia forte, oppure ci pervade con particolari odori soprattutto dopo un temporale ed infine ci regala uno dei giochi più intriganti: saltare nelle pozzanghere!

Questa relazione coinvolgente, diretta e continuativa dei bambini con la natura, genera benessere e favorisce buone condizioni per creare legami emotivi con l’ambiente. Fuori i bambini sviluppano il proprio mondo interiore, mettono alla prova le loro capacità fisiche, apprendono attraverso esperienze che connettono piani diversi tra loro: cognitivi, motori, espressivi ed emozionali.
La natura si presenta generosa, ci aspetta paziente e lenta ed offre ai bambini tempo per ascoltare ed ascoltarsi. Lo osserviamo: i bambini fuori elaborano pensieri, riflettono, sperimentano liberamente, si organizzano autonomamente e realizzano progetti. Fuori le scoperte sono inattese e spesso provocanti per mettersi alla prova e per crescere. Fuori si rischia, ci si mette alla prova e si acquista autostima e fiducia nelle proprie capacità.


I bambini all’aperto dunque stanno bene! In qualsiasi stagione e in qualsiasi tempo. All’aria aperta, infatti, i bambini sono meno esposti agli agenti infettivi di quanto lo siano stando al chiuso.
Per il freddo basta coprirsi e per stare fuori, basta attrezzarsi.
Vestiamoci per uscire: un caldo maglione, stivaletti di gomma con calzini antiscivolo; mantella per la pioggia o ombrello - meglio se trasparente; sovra-pantaloni impermeabili.
Idee per riporre l’abbigliamento da esterno. Una rastrelliera per gli stivali e un appendiabiti per le mantelle ed i pantaloni impermeabili.

I bambini sono fiori
Da non mettere nel vaso
Crescon meglio stando FUORI
Con la luce in pieno naso.
Con il sole sulla fronte
E i capelli ventilati:
i bambini sono fiori
da far crescere nei prati.

Roberto Piumini


 

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola