Connessioni tra arte e natura: estetica e stupore tra sensorialità, immaginazione e narrazione

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [NW2GPIJM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [A9UQPNNC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [HJZE47UI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => it
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Connessioni tra arte e natura: estetica e stupore tra sensorialità, immaginazione e narrazione

Gli adulti possono offrire al bambino immagini, parole e suoni di qualità in modo da amplificare e arricchire il loro pensiero, conoscere ed esprimere l'infinita gamma delle emozioni, immaginare e costruire tanti mondi possibili: ecco alcuni spunti. Di Simona Serina

Connettere il mondo ricchissimo dell'arte all'infanzia significa per noi adulti costruire un ponte affinché il linguaggio dell'immaginazione, della poetica, dell'estetica, dei diversi linguaggi artistici, (fotografia, letteratura, musica eccetera), arrivi e parli ai bambini. L'arte, in quanto linguaggio universale, parla di qualcosa che appartiene e che concerne la vita dei bambini. Infatti, poiché ogni opera d'arte è una codificazione personale creativa della realtà, avvicinandosi all'arte ed agli artisti, i bambini entrano in contatto con una molteplicità di poetiche e di modi di rappresentare il reale e quindi con la possibilità di costruirsi modi di vedere e di comprendere il mondo diversi. L'arte offre una differenziazione e originalità di sguardi, educa al cambiamento ed al rispetto della molteplicità.

Spetta a noi adulti, offrire al bambino immagini, parole, suoni di artisti e dei mondi dell'arte di qualità, affinché possano amplificare e arricchire il loro pensiero, conoscere ed esprimere l'infinita gamma delle emozioni, immaginare e costruire mondi possibili, ricchi di estetica ed etica, di bellezza, di gioia e di convivenza.

Leo Lionni, in Piccolo blu e piccolo giallo, ci ricorda come il linguaggio delle immagini fornisce possibilità di pensiero, giochi di forme e colori, che consentono di dare significati al mondo.

Sia nelle arti sia nella natura, possiamo ritrovare complessità ed estetica, intesa sia come ricerca e presenza del bello, dell'armonia, sia come percezione dei sensi amplificata e come luogo di alfabeti e linguaggi plurimi ed evocatori di stupore e meraviglia per coloro che hanno sguardi attenti e aperti a farsi emozionare, come i bambini.

Vivere esperienze emozionate d'arte e natura da condividere al nido e a casa

 

Da dove prendere spunto? Una delle piste possibili è attingere alle nostre esperienze biografiche di fruizione dell'arte e della natura. È il caso delle educatrici Laura Del Debbio e Valeria Bonetti (Spazio gioco Giardino delle Farfalle), che in passato, nei loro viaggi a Barcellona avevano visitato la Casa Battlò e, appassionatesi all’arte di Gaudì, hanno voluto condividere con i bambini suggestioni e stimoli a partire da un'opera d'arte dell'artista spagnolo “attento studioso della natura e amante del riciclo creativo, la seppe evocare con molteplici materiali, fiori, funghi, ossa, maschere e squame. Un universo di forme e texture che simboleggiano la natura”. (Laura e Valeria Spazo gioco Giardino dele Farfalle)

E così un libro guida di Casa Batlò per adulti, ma con immagini adatte a tutti, è stato messo nella libreria a disposizione dei bambini e anche portato in giardino. È stato inoltre proiettato un video che raffigurava diversi scorci della casa.

L'obiettivo era di far nascere connessioni tra gli elementi artisitici ispirati alla natura di Casa Battlò e gli elementi naturali trovati in giardino o nelle uscite con i genitori. A partire da queste connessioni, suscitare nei bambini il desiderio di fare domande, creare narrazioni proprie, in un dialogo attento e rispettoso tra gli adulti e i bambini stessi fatto di ascolto, parole, proposte adeguate e sensibili.

I bambini hanno iniziato a sfogliare il libro, a riunirsi in piccoli gruppi per discutere cosa poteva essere unimmagine o laltra. Le immagini sono state classificate dai bambini in: coda, tartaruga, drago, fungo, sabbia, acqua, squame ecc. Da qui è nata lidea di andare a ricercare fuori o dentro gli elementi che erano in connessione. (Idem)

In giardino hanno scoperto funghi, forme e consistenze simili di cortecce e tronchi, classificazioni dal più piccolo al più grande, come nella coda, in un rimando di similitudini e connessioni tra immagini ed elementi dentro e fuori.

La forma del caminetto è stata ritrovata fuori in giardino nei primi mesi di autunno, come pure lacqua, la sabbia. La colonna vertebrale delle scale, la coda per i bambini, labbiamo trovata nel bosco in una uscita di sabato mattina con i genitori. E poi sono nate riflessioni ed ateliers in cui ricercare forme, colori e texture. (Idem)

Sono state ricostruite le squame con materiali modellabili, riscoperte le trasparenze delle vetrate luminose di Gaudì in oggetti trasparenti di uso quotidiano ed elementi naturali posti su una lavagna luminosa, le maioliche blu degli interni della casa, giocando con le trasparenze evocative della carta bagnata con il colore blu.

Sono nate narrazioni scaturite dal pensiero dei bambini in connessione con la vita familiare e lavorativa dei genitori, racconti che ogni giorno evolvono in nuovi racconti sempre più ricchi. (Idem)

Genitori e bambini: un libro tattile e creativo per condividere suggestioni e meraviglie tra casa, viaggi arte e natura

 

Le educatrici propongono ai genitori di coprogettare un libro da realizzare insieme bambini, genitori ed educatrici.

Abbiamo ricercato insieme materiale di recupero proveniente dalle case, dai luoghi di lavoro, dai viaggi; condiviso una piccola colazione dialogando su Barcellona e Gaudì, poi ci siamo focalizzati sugli elementi naturali scelti e narrati dai bambini”. (Idem)

In seguito sono state inserite le narrazioni e le fotografie dei ritrovamenti in giardino da parte dei bambini. Un libro sensoriale, curato e creato a più mani, che i bambini aprono ed in ogni pagina trovano immagini, forme, colori ed oggetti emozionati, memoria delle esperienze e dei dialoghi passati; punto di partenza per nuove e più complesse espressioni e narrazioni. 

 

Per le citazioni e le fotografie di questo articolo si ringraziano le educatrici e la coordinatrice pedagogica dello Spazio gioco Giardino delle Farfalle pomeridiano (cooperativa La Luce).

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola