Mappe per progettare: una didattica essenziale, praticabile, verticale

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [LVMDRU9A] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [QM3GC4L6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [LV1KJVEA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Mappe per progettare: una didattica essenziale, praticabile, verticale

Tutte le attività dalla prima alla quinta si sviluppano attorno a nodi disciplinari: ecco la nuova didattica di "La Vita Scolastica". Di Silvana Loiero

matite colorate

Una didattica all’insegna di essenzialità, praticabilità, verticalità. Saranno questi concetti a guidare i percorsi didattici che proporremo nel corso dell’anno e di cui presentiamo la struttura sotto forma di mappe nella progettazione del primo numero della nostra rivista.

Disciplina per disciplina, si potranno cogliere a prima vista alcuni aspetti della nostra proposta, che presta particolare attenzione ai nodi essenziali delle discipline, cioè agli elementi più significativi attorno ai quali costruire il curricolo verticale. Si tratta di nodi concettuali o metodologici, che assumono un valore formativo rispetto alle competenze di cui sono i supporti.

Invece di lavorare su molte cose in modo superficiale, preferiamo trasmettere ai docenti un messaggio diverso: insegnare e far apprendere agli allievi alcuni elementi, quelli essenziali, e farlo bene e a fondo.

Abbiamo puntato all’alleggerimento dei contenuti disciplinari, ma nel contempo abbiamo riservato una maggiore e diversa attenzione alle discipline: attorno a uno stesso nodo disciplinare si sviluppano le attività didattiche dalla prima alla quinta classe.

Oltre alle attività, abbiamo inserito i traguardi per lo sviluppo delle competenze alla fine della scuola primaria previsti dalle Indicazioni nazionali per il curricolo 2012, la bussola che orienta le nostre attività nell’intero percorso verticale dalla classe prima alla classe quinta.

Guarda la progettazione completa a questo link:

• a partire dai traguardi di quinta classe sono stati previsti, “a ritroso” i livelli di competenza attesi alla fine di ogni classe;

• sono stati definiti gli obiettivi di apprendimento operativi e graduali per tutte le classi, funzionali al raggiungimento di tali traguardi;

• sono state indicate attività dettagliate, metodologie e strategie, strumenti di vario tipo. 

Silvana Loiero: 12 Settembre 2018 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola