Nikola Tesla, lo scienziato dell'energia cosmica

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [5Y2FWDEX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [CSWDJ727] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [ZZYMIP8E] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Nikola Tesla, lo scienziato dell'energia cosmica

Storia di un genio fuoriclasse: Nikola Tesla, al quale dobbiamo gran parte del nostro presente e un futuro tutto da inventare. Di Luca Novelli. 

Tesla

L'entusiasmo s'impara?

A tutti, adulti e bambini, piacerebbe avere il talento di Leonardo, la genialità di Archimede, il buon rapporto con la natura di Charles Darwin. Da questo desiderio ha preso avvio qualche anno fa la collana Lampi di Genio di Editoriale Scienza: una serie di "coinvolgenti autobiografie" (come è stato scritto) attraverso le quali il lettore può diventare un po' Leonardo, un po' Konrad Lorenz, un po' Marie Curie. Ma non solo. Le biografie, scritte in prima persona, possono aiutare gli insegnanti a far crescere e coltivare specie nei lettori più giovani alcune attitudini essenziali a stare bene a scuola e nel mondo. Prima tra tutte, l'entusiasmo. Per gli Antichi Greci "entusiasmo" voleva dire "quando un dio entra in te". Senza entusiasmo non si combina niente. Ecco, i personaggi della serie lampi di Genio affrontano la vita con entusiasmo e sono tuttora dei buoni comunicatori di entusiasmo.

Lampi di storia, di scienza e di quotidianità

Un'altra dote di queste biografie è che ci si riconosce nelle disavventure e nelle avversità che incontrano i nostri eroi. "Tu non combinerai nulla di buono nella vita" dice al giovane Einstein il suo professore di greco. "Sei solo un cacciatore di topi", sentenzia il padre del piccolo Charles Darwin. "Bocciato! Bocciato!" ripetono il professori al povero Gregorio Mendel, al quale tremano le gambe ogni volta che fa un esame di abilitazione all'insegnamento.
Poi c'è il collegamento con la storia, spesso inaspettato. Archimede alleato di Annibale. Pitagora spinto a occidente dai persiani. Leonardo che deve vedersela con i Medici e con gli Sforza. Lavoisier, al quale la Rivoluzione Francese gli costa la testa. Storie vere che ricordano tragiche attualità.
C'è la vita quotidiana, i genitori, gli insegnanti, l'amore, la famiglia e le difficoltà economiche che non sono un'invenzione di oggi e nel bene e nel male formano il carattere di una persona. E infine c’è la scienza, che sottende tutta questa serie, non vista come elenco di scoperte slegate tra loro, ma come idee che nascono da altre idee, spesso in collaborazione o in competizione con altri. C’è sempre intorno un contesto, una necessità, un avvenimento, un’occasione che viene colta al volo dal protagonista.

Nikola Tesla, un fuoriclasse

Sono ormai 18 i Lampi di Genio usciti in libreria, molti sono diventati puntate di due serie
tv di Rai Educational che si possono visionare in streaming su Raiscuola.it. Sono personaggi conosciuti in tutto il mondo, con meriti e riconoscimenti condivisi dalla Comunità Scientifica.
Solo Nikola Tesla, ultimo nato della collana, pur essendo un genio entusiasmante al pari degli altri, esce dalla righe ed emerge con alcune fantastiche premonizioni. A Tesla dobbiamo molte cose: dal tipo di corrente elettrica (alternata) che usiamo tutti i giorni al telecomando col quale accendiamo il televisore, dai motori elettrici alla… radio che secondo una sentenza del 1943 della Corte Suprema degli Stai Uniti non è stata inventata in primis dal nostro Guglielmo Marconi. A Nikola Tesla infatti non sono mancati premi e i riconoscimenti. Portano il suo nome persino un asteroide e una unità di misura internazionale (unità di induzione magnetica). Ma a un certo punto della sua vita il mondo è andato da una parte mentre lui ha continuato sulla sua via.

Energia cosmica: una promessa per un mondo migliore

Il futuro che aveva profetizzato cento anni fa in parte si è realizzato: con un semplice telefonino in qualunque luogo del mondo abbiamo accesso a immagini, notizie e comunicazioni personali. Invece non utilizziamo una fonte di energia libera, gratuita e non inquinante disponibile in tutto l'Universo: Nikola Tesla la chiamava "energia cosmica". Vorrebbe dire che il nostro mondo, dove il petrolio è padrone e mandante di guerre e disastri, potrebbe essere completamente diverso. Le ricerche di Tesla non erano e non sono affatto assurde, ma certamente non sono conformi a quelle pilotate dall'establishment economico. Leggere la sua vita e il susseguisi delle sue scoperte non può che far bene alla scienza e ai giovani lettori: fa venir voglia di saperne di più.

Per saperne di più

Luca Novelli: 3 Novembre 2016 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola