Il docente vieta di portarsi a scuola la bottiglietta dell'acqua? "È un abuso"

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [33276XCX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [56AC12DT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [HNKCGYPX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Il docente vieta di portarsi a scuola la bottiglietta dell'acqua? "È un abuso"

L'insegnante può invece spiegare agli alunni quale siano le buone pratiche da tenere in classe, sia da un punto di vista comportamentale che ambientale. Di Paolo Bonanno

grafica bonanno risponde a norma di legge definitivo

Buonasera, volevo chiederle se è legittimo che una maestra proibisca ai propri alunni di portare e bere dalle bottigliette d'acqua. Grazie.

Lettera firmata

Questi problemi dovrebbero essere affrontati nell’ambito del regolamento di istituto e certamente un’iniziativa individuale di un docente che proibisca (e con quale giustificazione?) agli alunni di portare a scuola bottigliette d’acqua sarebbe un abuso.

Certamente il docente può insegnare agli alunni una corretta utilizzazione delle bottigliette, invitando per evidenti motivi igienici a non bere l’acqua direttamente dal recipiente ma utilizzando un bicchiere che possa poi essere smaltito, illustrando anche il corretto smaltimento delle bottigliette di plastica. Così come può indicare momenti opportuni nei quali bere, perché non diventi un modo per distrarre l’attenzione nel corso dell’attività scolastica.

Tutto, insomma, tranne una proibizione che – salvo che vi siano, come detto, precise indicazioni da parte del regolamento di istituto – non troverebbe una giustificazione sotto il profilo educativo, didattico o disciplinare.

Scrivimi e chiarirò i tuoi dubbi

Avresti piacere ad avere una risposta chiara alle tue perplessità come questo insegnante? Basta scrivere una mail a vitascol@giunti.it o scuolainfanzia@giunti.it mettendo nell'oggetto "Rubrica A Norma di Legge" indicando la propria domanda (massimo 400 battute per essere presa in considerazione) da porre. Nel giro di alcuni giorni ti sarà data risposta sulla mia pagina blog dedicata.

Il servizio, fino al 31 dicembre 2018, sarà aperto a tutti i docenti mentre dal 2019 sarà riservato agli abbonati. Assieme alla domanda, nella richiesta per mail, sarà dunque necessario inserire anche il codice di abbonamento alle riviste La Vita Scolastica e Scuola dell'Infanzia.

Onde evitare spiacevoli equivoci, porrò dei limiti relativi alle richieste sul tema della previdenza: niente calcoli individuali, ma solo chiarimenti sulla normativa pensionistica, per non creare inutili aspettative in chi segue il blog.

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola