Provincia autonoma di Trento e insegnanti religione cattolica

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [Q8JXCF9F] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [9KT2KJBJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [DMSBM3WX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Disposizioni sullo stato giuridico del personale docente e ispettivo per l’insegnamento della religione cattolica.

Legge provinciale del 9 aprile 2001, numero 5

Provincia autonoma di Trento


Analogamente a quanto già fatto nel 1998 dalla Provincia autonoma di Bolzano, anche la Provincia di Trento ha emanato una legge che istituisce posti a tempo indeterminato per l’insegnamento della Religione cattolica.

Ai suddetti docenti si applicano le norme di stato giuridico e di trattamento economico previsti per il personale del corrispondente ordine e grado di scuola della provincia di Trento.


L’accesso ai ruoli avviene attraverso le procedure previste per il personale docente della scuola statale, ferme restando le norme di attuazione del Concordato con la Chiesa cattolica.
In prima applicazione la legge ha previsto l’immissione in ruolo dei docenti di Religione cattolica che avessero svolto, alla data di entrata in vigore, un servizio di almeno otto anni, anche non continuativi, previo superamento di un concorso per soli titoli. 

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola