Colloqui con genitori separati, che fare?

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [9MSVAHAH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [1AZZ8F23] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [U3399LEV] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Gli incontri individuali con madri e padri costituiscono sempre un obbligo di servizio. Qualora si fosse di fronte a un caso di separazione, sta alla scuola garantire che entrambi ricevano le stesse comunicazioni. Di Paolo Bonanno

grafica bonanno risponde a norma di legge definitivo

Vorrei sapere se gli incontri individuali con i genitori sono obbligatori e con quale frequenza di debbono tenere. So che rientrano nelle attività funzionali all'insegnamento e perciò non quantificabili come invece le 40+ 40. Secondo me c' è una grande confusione.

Vorrei anche sapere come ci si deve comportare, in occasione del colloquio individuale con le famiglie, in caso di genitori separati e quindi non conviventi. E' sufficiente la comunicazione sul diario con la richiesta di entrambe le firme dei genitori? Grazie.

Michela

L’articolo 28 del nuovo CCNL del Comparto istruzione rinvia, per quanto riguarda le attività docenti, anche all’articolo 29 del CCNL del 29 novembre 2007, che rimane, quindi, tuttora applicabile.

Pertanto gli incontri individuali con i genitori costituiscono sempre un obbligo di servizio (esattamente sono adempimenti individuali dovuti, come specifica il citato articolo 29, al comma 2) e, appartenendo alla sfera individuale dell’attività docente, la loro frequenza è definita nell'ambito del piano triennale dell’offerta formativa, nel rispetto delle modalità e dei criteri stabiliti dal consiglio d’istituto, sulla base delle proposte del collegio dei docenti per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie e gli studenti, assicurando la concreta accessibilità al servizio (articolo 29, comma 4, del CCNL del 2007).

Per quanto riguarda la questione dei genitori separati, non esistono norme generali che regolamentino specificamente la situazione descritta. Tuttavia la scuola deve innanzitutto accertare che la separazione non abbia comportato per uno dei genitori la perdita della potestà genitoriale: se l’hanno mantenuta hanno entrambi titolo (anzi, hanno il dovere) di vigilare sull’istruzione del figlio e pertanto dovrà essere data a tutti e due ogni informazione relativa all’andamento scolastico.

Nel caso specifico il docente dovrà assicurarsi che entrambi i genitori ricevano la comunicazione della fissazione del colloquio individuale con le famiglie, da un lato attraverso la comunicazione – mediante annotazione sul diario dell’alunno – al genitore affidatario; dall’altra attraverso una comunicazione individuale, ad esempio telefonando personalmente all’altro genitore. Tutto questo, naturalmente, dovrà essere disciplinato nell’ambito del PTOF.

Scrivimi e chiarirò i tuoi dubbi

Avresti piacere ad avere una risposta chiara alle tue perplessità come questo insegnante? Basta scrivere una mail a vitascol@giunti.it o scuolainfanzia@giunti.it mettendo nell'oggetto "Rubrica A Norma di Legge" indicando la propria domanda (massimo 400 battute per essere presa in considerazione) da porre. Nel giro di alcuni giorni ti sarà data risposta sulla mia pagina blog dedicata.

Il servizio è riservato agli abbonati. Assieme alla domanda, nella richiesta per mail, è dunque necessario inserire anche il codice di abbonamento alle riviste La Vita Scolastica e Scuola dell'Infanzia.

Onde evitare spiacevoli equivoci, porrò dei limiti relativi alle richieste sul tema della previdenza: niente calcoli individuali, ma solo chiarimenti sulla normativa pensionistica, per non creare inutili aspettative in chi segue il blog.

  

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola