Mobilità del personale, domande fino al 28 aprile

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [E2J2L2H1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [Q139HEHZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [4LFDXVHA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Il Ministero dell’Istruzione – sia pure tra molte polemiche – ha avviato le procedure per le operazioni di mobilità. Di Paolo Bonanno

ufficio scuola dirigente valutazione

Il Ministero dell’istruzione – sia pure tra molte polemiche – ha avviato le procedure per le operazioni di mobilità: penso sia opportuno fornire un minimo di informazioni sui provvedimenti che sono stati emanati.

Con la nota prot. 6904 del 24 marzo 2020, il Ministero ha trasmesso agli uffici periferici interessati l’ordinanza ministeriale relativa alla mobilità del personale docente, educativo ed Ausiliario, Tecnico e Amministrativo (ATA) per l'anno scolastico 2020/2021. Contestualmente è stata pubblicata anche l’ordinanza riguardante la mobilità dei docenti di religione cattolica.

Domande fino al 28 aprile

Il personale docente, in particolare, potrà presentare domanda dal 28 marzo al 21 aprile 2020 attraverso il portale Istanze on line del Ministero dell’istruzione. La domanda dovrà essere corredata dalla relativa documentazione, elencata nella apposita sezione del modulo domanda, e indirizzata all’Ufficio scolastico Regionale – Ufficio territorialmente competente. I docenti che intendono usufruire della precedenza in qualità di perdenti posto nell’anno scolastico precedente devono indicare come scuola di rientro la sede di organico che comprende la scuola di precedente titolarità.

Gli esiti della mobilità saranno pubblicati il 26 giugno.

Bisogna ricordare che l’articolo 2, comma 2 del CCNI che disciplina la mobilità per gli anni scolastici del triennio 2019/20, 2020/21, 2021/22, prevede che il docente che ottiene la titolarità su istituzione scolastica a seguito di domanda volontaria, sia territoriale che professionale (passaggio di ruolo), avendo espresso una richiesta puntuale di scuola, non potrà presentare domanda di mobilità per il triennio successivo.

Altrettanto avverrà nel caso di mobilità ottenuta su istituzione scolastica nel corso dei movimenti della I fase attraverso l’espressione del codice di distretto sub comunale. Tale vincolo triennale opera all’interno dello stesso comune anche per i movimenti di II fase da posto comune a sostegno e viceversa, nonché per la mobilità professionale, mentre non si applica ai docenti beneficiari delle precedenze disciplinate dall’art. 13 del Contratto integrativo, nel caso in cui abbiano ottenuto la titolarità in una scuola fuori dal comune o distretto sub comunale dove si applica la precedenza, e neppure ai docenti trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata, ancorché abbiano ottenuto una delle preferenze espresse.
 

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola