Quando natura fa rima con intercultura

Avere cura di piante e insetti non richiede competenze verbali ma curiosità e pazienza. E l’orto sinergico, realizzato con i bambini, ci dà una lezione concreta di buona convivenza tra le diversità. Di Antonella Sada.  

di Redazione GiuntiScuola · 19 marzo 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
9 min read

Non è una novità che ai bambini piaccia stare all’aria aperta: correre nei giardini o cortili, giocare con la sabbia, arrampicarsi su scalette improvvisate sono proposte che vengono accolte sempre con grande entusiasmo. La curiosità verso ciò che è naturale e vivo, insetti e piante, accomuna i bambini indipendentemente dal contesto culturale di provenienza e costituisce una forte spinta ad apprendere. Per questo, l’ osservazione e il contatto con l

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it