Quando l’insegnante istiga alla violenza

Qual è il confine, per i docenti, tra libertà di espressione e necesità di essere esempio di “virtute e canoscenza”? Di Mario Maviglia.

di Redazione GiuntiScuola · 22 marzo 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

I fatti sono noti: alcuni giorni fa, durante gli scontri tra antagonisti e polizia che tentava di impedire ai primi il contatto con gli aderenti a CasaPound nel centro di Torino, una donna con una bottiglia in mano e il cappuccio in testa sfidava apertamente i poliziotti gridando più volte: “Dovete morire! Fate schifo! M*rde! Vigliacchi!”.  Non ci è voluto molto per scoprire che la donna era un’insegnante di scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “Leona

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it