Progettazione, voci dalla scuola

Quale tipo di progettazione viene effettuata? Che cosa ne pensano i docenti? Un piccolo sondaggio tra docenti di varie scuole. Di Silvana Loiero

di Silvana Loiero · 28 settembre 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

Come sono utilizzati i giorni di settembre che precedono l’inizio dell’anno scolastico? Quale tipo di progettazione viene effettuata? Che cosa ne pensano i docenti?
Abbiamo effettuato un veloce sondaggio tra docenti di varie scuole: dal Veneto alla Sicilia, dalla Lombardia all’Emilia Romagna e alle Marche.

Incontri di istituto: una novità positiva

Nel complesso le giornate sono trascorse facendo incontri di vario tipo, sia per progettare attività a livello macro, di Istituto e di plesso, sia per definire la tradizione progettazione didattica nei gruppi di interclasse. Ci sono state anche molte ore passate a impostare orari e sistemare le aule per renderle belle e accoglienti.
Gli incontri a livello d’Istituto hanno anche apportato una ventata di positiva novità, come sottolinea Lucia della provincia di Verona:

Spesso dall'esterno arrivano novità che appesantiscono la vita nella scuola. Quest'anno, sorprendentemente, le proposte sulle tecniche di rilassamento per insegnanti (Sahaja Yoga) per insegnanti e sugli incontri con gli altri educatori del territorio (es. assistenti sociali) portano un sentore di leggerezza. Improvvisamente sembra riconosciuto il bisogno di saper respirare sulle cose e dentro le cose. Magicamente si prospetta l'idea di tessere davvero un ordito sociale su cui poter creare trame significative nel territorio. In questo caso sono i contenuti portati che risulteranno efficaci.

È sempre Lucia a mettere in evidenza l’importanza di aver progettato attività di "riscaldamento relazionale e sociale" (mercatino dei pinoli, gemellaggio quinta-prima, canti di accoglienza del mattino, auguri di compliestate, accoglienza nuova insegnante, architettura di una suggestione che ci accompagnerà a lungo: viaggio spaziale per riportare sulla Terra le parole gentili e la gentilezza e le buone maniere). In questo contesto l'efficacia è data dal cercare ciò che crea comunità tra maestre, con i bambini e le bambine, con i collaboratori scolastici. Ai genitori in questa fase si arriva attraverso lo stare bene delle “creature”. In questo livello di lavoro e lavorio grande parte hanno il sentire, il pensare e il volere di tutte e di ciascuna. E la maturazione professionale e la consapevolezza.

Punti critici e nuclei fondanti

Sul piano della progettazione didattica in alcune scuole i docenti si sono organizzati con congruo anticipo:

“la programmazione delle attività per l’anno scolastico 2018/2019 è iniziata già al termine dello scorso anno, quando, per la scuola primaria, sono stati organizzati dei Consigli di Interclasse per disciplina ai quali hanno partecipato i docenti delle classi contigue (terza e quarta, quarta e quinta, …) per individuare i punti critici della programmazione attuata e focalizzare così i nuclei fondanti per la progettazione futura. Questa attività ha permesso di iniziare a porre l’attenzione su quelle abilità e competenze che richiederebbero un maggior approfondimento e sulle quali si sono riscontrate le maggiori difficoltà da parte degli alunni, oltre che sulla metodologia di lavoro degli insegnanti” (I. C. di Rovellasca- Como).

Tante voci dalle scuole

Da Nord a Sud, abbiamo raccolto le esperienze e le voci di inseganti che raccontano l'esperienza di progettazione:

Arianna: "priorità ai bambini certificati"
Ester: "verticalizzare la didattica in un'ottica di continuità"
Fabrizia: "molti confronti ma pochi materiali condivisione"
Nadia: "confronto e scambio"
Luisella e Maria Luisa: "progettazione con monitoraggio periodico"
Emanuela: "progettazione già da fine giugno"
Marisa: "confrontarsi per camminare insieme"
Lavinia: "aiuta a confrontarsi, a crescere, a mettersi in gioco"
Cristina: "progettazione solo nel team"
Simonetta: "progettazione su tre livelli"
Silvia: "tempistica da rivedere"
Rossella: "poco tempo a disposizione per progettare"
Francesca: "si respira la vera Scuola"

Leggi tutti gli interventi a questo link

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it