Ogni gesto ci racconta: per un ascolto musicale e corporeo

“Né lo spazio vuoto, né un tempo vuoto, esistono. Qualcosa da vedere, qualcosa da udire, c’è sempre”. Una frase di John Cage da sperimentare danzando con bambini. Per ascoltare il corpo, raccontarsi, meravigliarsi del quotidiano e accettare l’errore come possibilità di apertura dei propri orizzonti.

di Redazione GiuntiScuola · 12 febbraio 2016
0

REGISTRATI ACCEDI

0
5 min read

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Col corpo capisco

Il corpo racconta molte cose, basta fermarsi a osservarlo bene, fare un po’ di silenzio, prendersi il tempo e dedicare lo spazio necessari per provare a leggere e sentire i gesti che “lo dicono ”.
Abbiamo condiviso con bambini e adulti alcuni esper

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it