La gita scolastica: cosa conta davvero

Per allargare gli orizzonti dei bambini non è necessario fare tanta strada. Di M. Concetta Messina.

di Maria Concetta Messina · 25 maggio 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
4 min read

La primavera, si sa, non è un periodo scolastico facile: gli alunni sono stanchi, fiacchi, più svogliati del solito e sembrano rispondere meno agli stimoli didattici. Ma la conferma che la questione sia solo legata all’arrivo della bella stagione e non abbia radici psico-sociali ben più profonde (ci si chiede spesso se i bambini di oggi sappiano più interessarsi veramente a qualcosa), ci arriva dai viaggi di istruzione .
È su

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it