Il docente chattante

Le "multe" per insegnanti che scambiano informazioni con gli alunni via Whatsapp o Facebook ci riportano  a una questione più complessa: l'annacquamento delle distanze generazionali. Di Mario Maviglia

di Redazione GiuntiScuola · 03 febbraio 2018
0

REGISTRATI ACCEDI

0
7 min read

Ha suscitato molta irritazione presso i Sindacati della scuola la proposta dell’Aran di sanzionare i docenti che intrattengono rapporti con i propri studenti tramite WhatsApp o Facebook. Nell’incontro dell’11 gennaio scorso tra OO.SS. e Parte pubblica (Aran) per il rinnovo del contratto di lavoro del personale della scuola, l’Agenzia nazionale ha presentato una bozza di rinnovo della parte normativa del contratto che prevede la possibilità di mul

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it