“Ecco perché mi schiero contro i voti nel primo ciclo”

I voti creano un rapporto distorto tra scuola e famiglia: sembra che i figli debbano andare in classe per portare a casa un buon risultato piuttosto che per imparare realimente. Di Mario Maviglia

di Redazione GiuntiScuola · 10 aprile 2019
0

REGISTRATI ACCEDI

0
2 min read

Questo è un articolo volutamente provocatorio. È una presa di posizione netta, decisa e radicale contro i voti a scuola , almeno nel primo ciclo di istruzione. Le ragioni sono presto spiegate. I voti stanno distruggendo la relazione educativa e stanno snaturando i rapporti con i genitori degli alunni. Tutto sembra sacrificato in nome della verifica e della prestazione. Non si va a scuola per il gusto di im

Scopri io+, l'abbonamentoal nuovo ambiente digitale giuntiscuola.it