È possibile uscire da una prospettiva votocentrica?

Il voto è l’elemento caratterizzante del rapporto fra docenti e allievi e il pilastro costitutivo della scuola dell’insegnamento. Ma è davvero così utile? 

di Giacomo Stella · 13 febbraio 2015
0

REGISTRATI ACCEDI

0
6 min read

Un mio amico che fa il dirigente scolastico sostiene che il tabellone dei voti che viene esposto all’ingresso delle scuole a fine anno può essere letto in due modi: sulle righe orizzontali si può valutare il rendimento di ogni singolo alunno , mentre sulle colonne verticali si può valutare il rendimento di ogni singolo docente .

Se la colonna è piena di insufficienze vuol dire che colui che insegna quella disciplina non è un bravo docente. O non sa spiegare e dunque i suoi alunni non raggi

Questo contenuto è riservato agli abbonati io+, l'offerta Premium di giuntiscuola.it.

Fino al 4 dicembre a metà prezzo!