Per Iela Mari, maestra del libro d'arte

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Scomparsa Iela Mari: i suoi libri "senza parole" hanno rivoluzionato l'editoria per l'infanzia. E continuano ad incantare nuovi lettori.

IlPalloncinoRosso

Mentre sto leggendo La casa delle meraviglie (Topipittori, 2013), appassionata ricostruzione della storia di Emme Edizioni di Rosellina Archinto, mi arriva la notizia della scomparsa di Iela Mari che per quel catalogo tanto lavorò proprio agli inizi, a metà degli anni Sessanta.

Alcuni libri, scandalosamente (per quei tempi) senza parole, costituiscono autentiche vette nella storia del libro per bambini. Titoli come Il palloncino rosso, La mela e la farfalla sono perfetti esempi di libro d'arte che sa dialogare col lettore anche molto piccolo.

Nel gioco dei pieni e dei vuoti, nell'atto stesso dello sfogliare le pagine - metafora dello scorrere‎ del tempo - i lettori diventano "complici" dell'autrice, collaborando alla costruzione delle storie, delle moltissime storie possibili.

Furono libri di grande successo, soprattutto all'estero; e ora la Babalibri li sta, meritoriamente, ripubblicando nel suo catalogo. Sono ancora libri modernissimi.

Carla Ida Salviati: 4 Febbraio 2014 Eventi

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    t.colombo

    19:21, 10 Febbraio 2014
    Ho un piccolo ricordo da condividere per rendere omaggio a Iela Mari, artista che tanto ha fatto per la letteratura per bambini, trasformando la sua rivoluzionaria idea di far leggere i bambini che ancora non sanno leggere in libri bellissimi. Il suo Palloncino rosso è stato un esempio della potenza espressiva delle immagini che nelle loro metamorfosi sanno creare storie che incantano i bambini. Io allora giovanetta appassionata di educazione e libri per l'infanzia mi son tanto divertita a leggere e far leggere i suoi libri al mio bambino piccolo. La ricordo mentre mi raccontava nella sua casa studio quello che faceva e perché. Poi la mia strada ha svoltato dalla ricerca e lo studio verso il fare e far fare. Ma forse queste persone che ho incontrato sulla mia strada hanno lasciato un pezzetto di loro in molte mie scelte.