"Amira, un mondo senza confini": lo "ius soli" raccontato in un romanzo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [CEF9FRIL] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [ZLZCIRHC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [HGATR7Z9] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

"Amira, un mondo senza confini": lo "ius soli" raccontato in un romanzo

In libreria il nuovo lavoro di Giuseppe Caliceti: la storia liberamente ispirata a quella di Lamiaa Zilaf

amira

È uscito in libreria il nuovo romanzo che Giuseppe Caliceti ha dedicato al tema “ius soli”. Si tratta di “Amira, una storia senza confini”, edito da Raffaello e liberamente ispirato alla storia di Lamiaa Zilaf, la ragazza 11enne che tra il 2011 e il 2012 salì alla ribalta delle cronache per la sua lettera aperta legata al suo status di nata in Italia ma da genitori originari del Marocco, fino ad arrivare a leggere il proprio testo in Parlamento.

Caliceti, docente di Reggio Emilia, già vincitore del premio di narrativa Elsa Morante-Isola di Arturo, ha infatti voluto affrontare l’argomento costruendo il personaggio di Amira, un’adolescente di 15 anni nata in Italia con origini marocchine, chiamata ad affrontare, fronteggiare e superare stereotipi quotidiani, epiteti e situazioni.

La penna di Caliceti utilizza la fantasia su uno scenario realistico, in modo da portare nella letteratura per ragazzi uno spunto che inviti all’accoglienza, alla coesione e alla condivisione.

11 Ottobre 2018 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola