Intervista a Carlo Rubinacci

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [9P1LZXMM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [SC2DIB2F] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [BW8KDKNL] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Il 14 e il 15 dicembre circa 9000 insegnanti saranno impegnati nelle prove scritte per il concorso a dirigente scolastico. Abbiamo intervistato Carlo Rubinacci, autore del manuale "Dirigere le scuole", per saperne di più: del suo volume e del concorso.

Cop_Manuale_dirigente.png

Carlo Rubinacci, dirigente scolastico dal 1991, attualmente opera presso l'Associazione Nazionale Presidi. È autore del manuale Dirigere le scuole, edito da Giunti Scuola: un lavoro che sta avendo grande successo tra i candidati, e che si segnala per chiarezza espositiva e completezza rispetto alle norme in corso, assicurata da continui aggiornamenti online. Abbiamo incontrato l’autore per fargli qualche domanda sul concorso di questi mesi e sul suo libro.

Secondo lei quale è il profilo di dirigente di cui ha bisogno la scuola italiana?

La scuola italiana ha bisogno di dirigenti in grado di valorizzare nella maniera più ampia possibile le opportunità offerte dall’autonomia didattica, organizzativa, di ricerca, sperimentazione e sviluppo. Per questa ragione, è essenziale che il dirigente sia continuamente impegnato nella promozione di innovazioni e soluzioni originali, centrate sui bisogni formativi degli studenti e veicolate dalla cooperazione scuola-famiglia-territorio.

L'Associazione Nazionale Presidi ha attivato molti corsi di preparazione. Che clima si respira tra i candidati?

Durante lo svolgimento dei corsi ANP per la preparazione al concorso ho incontrato molti docenti: le ansie sono inevitabili quando si è “sotto esame”, perché diventare dirigenti rappresenta un cambiamento importante, specialmente per chi sta studiando da tempo con serietà e intende fare il dirigente per essere realmente “al servizio” del miglioramento di qualità della scuola.

Il libro Dirigere le scuole non vuole essere un semplice manuale per il concorso, ma vuole essere qualcosa di più, un “quadro completo e unitario del dirigente scolastico”, come leggiamo nella presentazione. Vuole spiegarci un po’ più nel dettaglio l’intento e il respiro del suo volume?

L’intento del volume è di assicurare una guida efficace alla preparazione di tutte le fasi del concorso. Per questo motivo, il manuale è stato strutturato e scritto per favorire un approccio equilibrato alla complessità del profilo professionale del dirigente, opportunamente inserito nel contesto della legislazione scolastica e degli scenari europei. Nel contempo, il libro assume un ampio respiro che va oltre la preparazione al concorso ed offre un orientamento utile per aiutare i professionisti della scuola ad assumere piena consapevolezza delle sfide poste al sistema di istruzione e formazione in Italia e in Europa.

Redazione Giunti Scuola: 3 Dicembre 2011 Cultura e pedagogia

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola