Corso Base Metodo SaM – Università Cattolica di Milano – III Edizione 2017

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [MX5QDPY7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [BVPBTMAR] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [TWGTCR7Q] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Corso Base Metodo SaM – Università Cattolica di Milano – III Edizione 2017

Dal 15 settembre al 25 novembre 2017, presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, inizierà la terza edizione del Corso base del Metodo SaM (Sense and Mind), che offre ai partecipanti gli strumenti per intervenire sui disturbi delle abilità spaziali di soggetti in età evolutiva e adulti. 

Il Corso Base sul metodo SaM, (Sense and Mind) si rivolge agli operatori della riabilitazione che intendono apprendere una strategia di intervento applicabile a soggetti, in età evolutiva o adulta, che presentano difficoltà di pianificazione del movimento intenzionale nello spazio, di creazione e utilizzo delle immagini mentali e di uso delle informazioni spaziali nelle diverse attività della vita quotidiana.

Il nostro è un mondo spaziale, quindi la conoscenza si sviluppa necessariamente all’interno dello spazio, la cui rappresentazione è fondamentale per tutte le attività (Rizzolatti, 2006). Molte persone presentano deficit spaziali ai diversi livelli, ne sono un esempio i soggetti con eminegligenza spaziale unilaterale, disprassia in età evolutiva o con esiti di grave cerebrolesione acquisita.

Il metodo utilizza il corpo in movimento per la costruzione dinamica e adattiva dei diversi spazi. Interviene sulla integrazione multimodale fra lo spazio visivo, motorio, tattile e acustico, per giungere alla creazione di immagini mentali motorie e visuo-spaziali e alla loro manipolazione, fino alla costruzione di mappe mentali e al migliore uso possibile del medium spaziale in attività’ anche molto complesse.

Il modello riabilitativo trae origine dalle basi neurofisiologiche dell’embodied cognition e dagli studi sulle immagini mentali e sul loro utilizzo nel contesto delle funzioni esecutive. La tipologia di intervento in molte situazioni è prevalentemente restitutiva.

Prendendo le mosse dal modello teorico, durante il corso vengono sperimentate personalmente le categorie di esercizi. Partendo da attività di base e di esperienza corporea multimodale per la costruzione sensori-motoria degli spazi, ne vengono proposte altre specifiche sulla strutturazione ed elaborazione delle immagini mentali motorie in prima e terza persona, con l’utilizzo di modalità rappresentative ad hoc per consentire di arrivare al maggior grado possibile di astrazione. Infine, si propongono attività che, utilizzando lo spazio come medium per compiti specifici, facilitano la generalizzazione nel contesto selezionato come utile al soggetto

Grazie ad approfondimenti sui modelli teorici di riferimento e a numerose esercitazioni pratiche individuali e di gruppo, gli operatori possono iniziare, alla fine del corso, ad applicare il Metodo nella loro quotidianità clinica. Durante il corso viene posta grande cura alla facilitazione dell’integrazione delle conoscenze specifiche di ciascun operatore con le nuove acquisizioni proprie del Metodo. Sono fornite le prime indicazioni sulla valutazione funzionale di base, indispensabile per la definizione degli obiettivi del trattamento riabilitativo.

Al termine del Corso, previo superamento dell’esame finale, il partecipante acquisisce il titolo di Terapista Base del Metodo SaM, senza valore legale, da utilizzare nell’ambito della propria professione.

 

Per saperne di più... 

Scarica la locandina

Vai al sito www.metodosam.it

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola