Incontro con una figurinaia amica dei bambini

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Il fascino dell’incontro con una voce narrante, il tempo lento della lettura di un buon libro, l’apparente “far niente” pieno di cose.

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
20150226_131539

Ci sono incontri che lasciano tracce profonde e accendono passioni. Quelli con i libri sono misteriosi e ci modificano attraversando sentieri dell’anima che ignoriamo. Ma a volte l’amore per la lettura può nascere o consolidarsi anche attraverso l’incontro in carne ed ossa con un autore o, nel nostro caso, un’autrice che ama definirsi “figurinaia”.

Sono nata con le ali e la carriola

“Sono nata il giorno di Halloween. Ma allora a Milano era solo autunno. Cielo turchino e sole disciolto sotto gli alberi in un grande tappeto di foglie dorate. Sono nata con le ali e la carriola: le ali per volare, la carriola per lavorare. Non sono mai stata molto capace di camminare con i piedi per terra, ma la carriola piena di idee e di sogni mi ha sempre trattenuto dal volare troppo alto”.
Intorno alle parole di Emanuela Bussolati si fa subito silenzio, attenzione e ascolto profondo. È il fascino dell’incontro con una voce narrante, il tempo lento della lettura di un buon libro, l’apparente far niente pieno di cose. Seduti in cerchio nell’aula divenuta una minuscola agorà, i bambini ascoltano parole che aprono orizzonti nuovi, alzano la mano e chiedono perché vogliono sapere tutto: come si diventa scrittori con le ali, da dove nasce l’idea di una storia, quanta fatica ci vuole per usare la carriola piena di parole cercate a lungo con cura e rispetto.

La nostra amica figurinaia, illustratrice e architetta è venuta a trovarci a scuola perché, scrivono i bambini “dopo esserci scambiati alcune lettere e le cartoline di pace per gli amici di una scuola di Gaza, in Palestina, distrutta da un bombardamento, era stanca di vederci sulle foto e voleva conoscerci”.

Lingue e libri come case: costruzione e cura

L’intervista comincia e diventa subito un dialogo a più voci. A Tea che chiede se la sua professione di architetto l’ha aiutata a progettare libri, Emanuela risponde che “anche per realizzare un libro occorre fare le cose con ordine: scegliere prima i suoni, poi le parole e le frasi. Le parole sono i mattoni che servono per costruirlo. A seconda del mattone-parola-figura che scegliamo, possiamo costruire la nostra storia. Ma occorre scrivere parole sensate e fare disegni adatti altrimenti il libro-casa crolla”. All’istante Zeno immagina i libri della biblioteca di classe trasformarsi in case abitate dai personaggi delle storie, quindi sorride e chiede: “Lei che ha inventato il linguaggio Piripù, sa come si dice: ‘Non conosco la lingua Piripù in lingua Piripù?’ ”. Nonna Bussolati risponde: “Piripù…boh!”, poi prende uno dei suoi libri più noti, Tararì tararera, e comincia a leggerlo tra la gioia attenta di chi ascolta, perché la lettura espressiva anche di un linguaggio sconosciuto, se accostata a chiare immagini, aiuta tutti, soprattutto i bambini che incontrano difficoltà nel decifrare il significato delle parole o nel formulare pensieri chiari.

Subito dopo Giacomo e Benedetta vogliono sapere come nasce la passione di scrivere e disegnare, da dove prende le idee e quanto impegno ci vuole: “Quand’ero piccola il babbo mi leggeva molti libri e io, ascoltandolo, immaginavo i disegni delle storie raccontate. Lo osservavo mentre disegnava molto bene e inventava spettacoli di marionette: la passione per il disegno è venuta da lì. Quando scrivo mi sento come un imbuto nel quale si infilano tante parole e immagini di fantasia. Se sono io a inventare le storie, le vedo già nelle immagini che creo, invece se la storia è scritta da altri, allora mi lascio prendere dall’emozione e vibro come un diapason. Se si tratta di racconti brevi, di solito ho pronta in mente quasi tutta la storia, ma quando il racconto è lungo o difficile, ci vuole tempo e bisogna riflettere sui vari passaggi. Volete sapere se è divertente o faticoso? Dipende: se fai una cosa con passione, allora non senti la fatica. Per me è così”. 

Storie d'infanzia, segreti del mondo

Miriam supera la timidezza e racconta i giochi che fa quando va a trovare i nonni in Calabria, poi le domanda che bambina era da piccola. “Anch’io ho trascorso la mia infanzia in campagna dai nonni. Correvo tra i campi, vicino al Po, e mi arrampicavo sugli alberi senza avere paura. Avevo la fortuna di vedere il tempo che passava attraverso le stagioni, di giocare con gli animali, di osservare i cavalli che tiravano i carri. Mi piaceva molto giocare all’aperto. Un giorno giocando a “Mago libero”, mi ero nascosta dietro un cespuglio coprendomi bene con la terra e il muschio. Ero così immobile e mimetizzata che il bambino che mi cercava mi ha scavalcata, senza vedermi!”.

I buoni libri aiutano a capire chi siamo, diventare grandi, scoprirei i segreti del mondo, sperimentare i sentimenti, vincere le paure.

Cesare Carlo dice: “Leggere una storia mi regala l’emozione di sapere cosa succede”, mentre mostra un librino che ha scritto e illustrato per l’occasione. Si intitola “Il mondo più bello” ed ha per protagonista Tino, “un bambino che decide di vivere in un paese dove la pioggia è pulita, l’aria è pulita, le case sono costruite rispettando l’ambiente e anche gli animali vivono bene. Dove si va in bicicletta e per acquistare le cose si usa il cuore, e più il cuore è grande, più cose puoi possedere”.

La rosa, il tulipano, pezzetti di fiducia contro la guerra

Con gli adulti che non tradiscono le parole, i bambini possono affrontare temi difficili: “Emanuela ci ha raccontato che in tante parti del mondo - scriverà in seguito Riccardo - i bambini sono costretti dai grandi a fare la guerra e a sparare per avere in cambio del cibo. Gli adulti fanno così perché sanno che i bambini sono fragili! Ma tutti noi siamo fatti di tanti pezzettini buoni e cattivi, dobbiamo usare il cuore e le mani per accarezzare e non per dare pugni”. “La guerra porta sempre violenza e distruzione - aveva spiegato ai bambini - Prima di farla gli uomini dovrebbero chiedersi: ‘Per che cosa combattiamo? Esistono veramente dei nemici?’.

Per fortuna, nel corso della Storia, c’è stato sempre qualcuno che di fronte alla scelta di fare la guerra dice: "Io non ci sto. Non voglio combattere per difendere un confine". L’ha scritto e cantato anche Fabrizio De André con La guerra di Piero. Bisogna sforzarsi di ragionare, la scuola dovrebbe insegnare a pensare.

Seminare emozioni e allegria

L’idea di seminare emozioni e allegria piace molto alla nostra amica e così, alla fine dell’incontro, insieme a una piccola lente d’ingrandimento per scoprire i segreti della natura e ai semini di nasturzio e ravanello, Emanuela ci lascia la curiosità di leggere e di inventare storie E la bellezza di fare bene le cose.

Le coccinelle leggono la lettera di Emanuela Bussolati

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola