Un anno di "amorosa maestria": il saluto con le parole di Bruno Tognolini

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [TIQJLH8Z] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [NGDNHRTQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [QXD5QMK1] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Un anno di "amorosa maestria": il saluto con le parole di Bruno Tognolini

In questi ultimi giorni di lezione i sorrisi dei bambini e i loro gesti di affetto sono tutti per le maestre e i maestri, e così pure i ringraziamenti dei genitori. Li accompagniamo con una filastrocca inedita di Bruno Tognolini. Di Silvana Loiero. 

mano bambino maestra

Prendono i bambini per mano e percorrono sentieri insieme a loro, portandoli alla scoperta di mondi nuovi da esplorare. Lo fanno infondendo entusiasmo e fiducia, e contagiando passioni.
Parliamo delle maestre e dei maestri, tanto stanchi alla fine dell’anno ma anche carichi di emozioni, soddisfatti per il percorso fatto che non era per niente scontato.
In questi ultimi giorni di scuola i sorrisi dei bambini e i loro gesti di affetto sono tutti per le maestre e i maestri, e così pure i ringraziamenti dei genitori. Al coro dei grazie ci uniamo anche noi. Siamo consapevoli del fatto che per loro non è stato semplice affrontare quotidianamente nuove sfide, e siamo altresì convinti che aver aiutato a intessere trame con gli oggetti culturali e con le persone ha lasciato nei bambini tracce indelebili.
Per la fine di quest’anno scolastico dedichiamo un testo poetico a tutti coloro che svolgono il lavoro, decisivo e insostituibile, dell’insegnante di scuola primaria, con un pensiero particolare a chi quest’anno saluta i ragazzi di classe quinta.
Ringraziamo lo scrittore Bruno Tognolini che ci ha consentito di usare questa filastrocca, inedita.

Filastrocca dell'amorosa maestria

Canzone dei mattini
Poesia dei miei alunni
Canta come correvano
I piedini degli anni
Come frutti sugli alberi
Come pane nei forni
Facevamo la classe
Con le mani dei giorni
Quei giorni come rondini
Quegli anni come buoi
Vi vedevo cambiare
E diventare voi
Nelle mattine gelide
Nei pomeriggi d’oro
L’amore sbriciolava
La pietra del lavoro
Le briciole doravano
Ogni nostra parola
I bambini sbocciavano
Nel cuore della scuola
Cantavano un segreto
Che alla fine ho compreso
Che più di ciò che ho dato
È ciò che mi hanno reso
L’onore pedagogico
E il sole alla finestra
Crescere i miei bambini
Essere una maestra

(B. Tognolini, inedita, in http://www.webalice.it/tognolini/var-rim.html#amorosa )

Leggi l'intervista a Bruno Tognolini

Silvana Loiero: 7 Giugno 2017 Articoli

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola