Educazione al patrimonio: tanti siti storici e poche visite

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [W7WTPRPQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [T7Z2KY4A] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [SRT1FX7V] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Educazione al patrimonio: tanti siti storici e poche visite

Secondo l'Istat in Italia si trova il 75% circa dei beni artistici esistenti al mondo ma li visitiamo poco. Che cosa può fare la scuola? Di Mario Maviglia

istat rapporto conoscenza 2018

È noto che la disponibilità e accessibilità del patrimonio culturale rappresenta un importante fattore per l’arricchimento della personalità e l’incremento delle conoscenze. Sfogliando il Rapporto sulla Conoscenza 2018 dell’ISTAT si scoprono notizie interessanti. Ad esempio si viene a conoscenza che nei Paesi scandinavi oltre l’80% degli adulti si è recato almeno una volta nel corso dell’anno a visitare un sito di interesse storico e culturale, mentre in Italia vi si è recata una quota inferiore al 30%. Questo dato è oltremodo interessante in quanto in Italia si trova il 75% circa dei beni artistici esistenti al mondo; in particolare nel nostro Paese sono aperti quasi 5.000 tra musei, monumenti e siti archeologici. Non manca quindi la “materia prima” da visitare e conoscere, eppure gli italiani hanno ancora poca consuetudine a frequentare questi luoghi rispetto ad altri Paesi meno ricchi per quanto concerne il patrimonio artistico e culturale.

Il ruolo della scuola e le colpe della burocrazia

C’è da chiedersi se una qualche responsabilità non sia da addebitare anche alla scuola rispetto a questo disamore degli italiani verso i beni culturali. In effetti l’esperienza scolastica può essere l’occasione per tanti bambini, ragazzi e giovani di avvicinarsi al patrimonio artistico e culturale e di conoscerlo e apprezzarlo, oltre che di considerarlo come un mondo da frequentare lungo tutto il corso della vita. Molti ragazzi probabilmente in famiglia non hanno l’opportunità di accostarsi a questo mondo, per tanti e svariati motivi; la scuola potrebbe sotto questo profilo funzionare da stimolo e incentivo, attraverso adeguati percorsi di conoscenza e di coinvolgimento degli alunni.
A parziale discolpa della scuola, va detto che oggi organizzare una visita d’istruzione richiede una procedura autorizzativa e burocratica talmente bizantina da scoraggiare anche i docenti più motivati, per non parlare delle connesse responsabilità relative alla vigilanza. Certo, si può obiettare che la conoscenza del patrimonio artistico prescinde da una visita diretta ai siti storici e culturali in quanto il tutto può essere realizzato in classe con gli ordinari strumenti di mediazione didattica in dotazione alle scuole (libri, albi illustrati, video, rete web ecc.), ma è sempre incombente il rischio di “scolasticizzare” oltremodo questi momenti rendendoli poco attrattivi agli occhi degli alunni. La visita d’istruzione è un modo diverso di fare scuola, e se adeguatamente preparata può offrire molti stimoli per rendere più consapevoli gli allievi di ciò che li circonda.

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola

  • avatar

    mme

    10:45, 18 Aprile 2019
    Don't worry and just go, because there will be me there.  -> geometry dash  -> five night at freddy's
  • avatar

    mme

    10:45, 18 Aprile 2019
    Don't worry and just go, because there will be me there.  -> geometry dash  -> five night at freddy's
  • avatar

    jparker

    9:12, 23 Febbraio 2019
    The culture is the identity of its nation. Nations who do not inherit their own culture or norms faced downfall. 7 dollar essay website review. The Italian nation has a rich cultural prestige but this post is very surprising that they are ignoring their artifacts.
  • avatar

    vshubham

    12:49, 27 Novembre 2018
    thank you so much for this site. 
  • avatar

    vshubham

    12:48, 27 Novembre 2018
    Thank you so much for this sharing for us and its windows 10 switch users  a perfect for the knowledge of the system window.
  • avatar

    vshubham

    12:47, 27 Novembre 2018
    Thank you so much for this sharing for us and its  https://windowsclassroom.com/how-to-switch-users-on-windows-10 a perfect for the knowledge of the system window.
  • avatar

    cceleste

    8:20, 27 Novembre 2018

    The community has several barriers to the end, and the community has several barriers to the market. essay writing services - australianessay.com. It's terribly revealing and uproarious besides.heardo
  • avatar

    cceleste

    8:20, 27 Novembre 2018

    The community has several barriers to the end, and the community has several barriers to the market. essay writing services - australianessay.com. It's terribly revealing and uproarious besides.heardo
  • avatar

    broper

    15:15, 16 Novembre 2018
    Heritage education is a way to deal with educating and finding out about history and culture that utilizes data accessible from the material culture and Buy Custom Papers Online the human and fabricated conditions as essential instructional resources.