Ecco Pinocchio!

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [XB4CBVXT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [4R4REFL6] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [KFW6TZP4] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Giochiamo con il caledario poster di febbraio dedicato al burattino più famoso di sempre. Ecco anche qualche piccolo trucco per animare l’inizio e la fine di una fiaba. 

nencini febbraio poster

La narrazione di una storia è caratterizzata da due momenti ugualmente importanti al pari della vera e propria lettura: l’inizio e la fine. Quando ci accingiamo a leggere una storia abbiamo bisogno di entrare in sintonia con i nostri ascoltatori e di conquistare la loro fiducia. Per fare questo possiamo ricorrere ad alcuni semplici trucchi per introdurre in modo giocoso e invitante questa prima parte della lettura:
- i saluti animati (orecchie aperte e bocca socchiusa finchè la fiaba non è conclusa…antenne dritte e occhi attenti per ascoltare felici e contenti!)
- un facile indovinello sul titolo del libro (ad es. indovina, indovinello… è un burattino con un piccolo cappello oppure sono un burattino di legno bislungo e se mi guardi ho il naso lungo… chi sono?)
- un pupazzo o una marionetta raffigurante il personaggio della storia.
Anche per il momento finale vale lo stesso discorso, perché i bambini, dopo aver trascorso del tempo nell’atmosfera sospesa della lettura, hanno bisogno di essere guidati nuovamente alla “realtà”. Per accompagnare i bambini in questo viaggio di ritorno, possiamo coinvolgerli in alcuni semplici e divertenti giochi, che diventano anche un momento di riconsegna dell’esperienza:
- un gioco a tema (ad es. riordinare in sequenza le carte della favola);
- una foto ricordo indossando un elemento caratteristico del protagonista del libro letto (ad es. una maschera…un cappello particolare…).
Piccoli suggerimenti e semplici rituali che contribuiscono a rendere il momento della lettura più riconoscibile, spassoso e coinvolgente: sia per chi legge e sia per chi ascolta.

Pinocchio

A febbraio Pinocchio il burattino
si mette il vestito di Arlecchino…
poi di fronte allo specchio
si guarda e si piace parecchio,

ma quando esce così mascherato 
da nessuno viene più avvicinato,
allora Pinocchio in un momento
ritorna al suo vecchio abbigliamento!

Occhio… c’è la maschera di Pinocchio !

Procuriamoci dei cartoncini bianchi di grammatura pesante (gr.160/200) e stampiamo o fotocopiamo per ogni bambino la maschera di Pinocchio. Dopo averla ritagliata lungo il bordo esterno e nella parte tratteggiata degli occhi, dotiamola di un morbido elastico o di un cordoncino da fissare nei due fori laterali. La maschera è pronta per essere indossata…per giochi di ruolo o per la festa di carnevale. 

Materiale occorrente:
* Cartoncino bianco pesante
* Elastico morbido o cordoncino

    

Nel prossimo post... la storia continua... una sorpresa speciale per festeggiare il Carnevale.

Il poster meteo 

Stampiamo il “Meteo-report” in formato A4 o A3 e completiamolo aggiungendo vicino a ogni simbolo il numero riassuntivo dei giorni diversamente contrassegnati sul poster mensile. Insieme ai bambini osserviamo il “Meteo-report” di febbraio per formulare e condividere alcune semplici valutazioni sul tempo meteorologico del mese appena trascorso.

  

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola