Si alza il vento

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [BC92ZEAT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [8UJZSENX] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [VDRCLFPE] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Miyazaki saluta il suo pubblico con un ultimo film. A tutti i bambini, consegna un messaggio importante sulla forza dell’immaginazione e sul coraggio di vivere anche nelle situazioni meno favorevoli, credendo nei propri sogni. 

si-alza-il-vento-di-miyazaki

Le vent se lève!... Il faut tenter de vivre
Paul Valéry


Mi sono sempre piaciuti i lavori di Miyazaki. E del resto siamo in tanti ad esser cresciuti con suoi cartoni animati come Lupin III, Heidi o Anna dai capelli rossi. Più tardi, più grandi, abbiamo apprezzato i suoi film La città incantata, Princess Mononoke, o Il castello errante di Howl

Ora il grande regista ha deciso di ritirarsi, e di salutare il suo pubblico con un lungometraggio, Si alza il vento, che mi è sembrato un bel regalo per grandi e bambini.

Il lungometraggio racconta la vita dell'ingegnere aeronautico Jirō Horikoshi, che inventò i caccia da guerra Mitsubishi A5M e Mitsubishi A6M Zero, utilizzati dall'Impero giapponese nella Seconda Guerra Mondiale. Si inizia nel 1918, in Giappone, quando Jirō, un ragazzino che abita nella provincia di Tokyo, sogna di diventare pilota d'aereo, ma purtroppo è miope e non potrà farlo. Grazie a una rivista d'aviazione e sognando di seguir le orme del progettista italiano d'aerei Caproni, capirà che costruire gli aerei è meglio di farli volare.

Il film si snoda nei trent’anni successivi della vita di Jirō, ma si racconta anche il Giappone degli anni tra le due Guerre mondiali, con tutto quello che quel periodo storico ha comportato per la nazione giapponese.

Nonostante il lungometraggio di Miyazaki sia meno spensierato degli altri e decisamente più realista, credo che i bambini potrebbero guardarlo con interesse e con qualche profitto. Capiranno gli orrori della guerra con le sue distruzioni, e allo stesso tempo ameranno le fantasie di Jirō, gli arcobaleni, il vento che porta via i cappelli… perché Si alza in vento è anche e sopratutto questo: un inno alla creatività, alla vita, ai sogni e al lavorare duramente per raggiungerli.

Purtroppo è stato in sala solo pochi giorni, ma sarà presto disponibile in DVD. Condivido con tutti il trailer ufficiale.

Condividi:

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola