Proteggere e custodire la terra

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [P9D645YQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [FF4DPHSJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [RKLSFKRQ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Si celebra oggi la 44° giornata mondiale dell’ambiente. Quest’anno le Nazioni Unite la dedicano alla “lotta al traffico di natura” .

wed

La giornata mondiale dell'ambiente, istituita dalle Nazioni Unite 44 anni fa, si celebra oggi ed è dedicata alla “lotta al traffico di natura”. Otto sono le specie di animali e di alberi individuate come a rischio: l’orango, la tigre, l’elefante, il rinoceronte, la tartaruga marina, il pangolino; tra gli uccelli, il bucero dall’elmo; tra le piante, il palissandro.
Gli animali sono sempre di più vittime di bracconieri e la flora a rischio di distruzioni e incendi.

Vi proponiamo:

  • Storie a lieto fine dall'Italia
  • La lettera con cui gli alunni di Pantelleria raccontano il disastro dovuto agli incendi nella loro isola. Per non dimenticare, per ricostruire, per curare e fare meglio:

    Pantelleria, un'isola magica, un'oasi in mezzo al mare. Noi abbiamo ricevuto un miracolo da Madre Natura: un'isola piena di alberi, nati nella roccia, in una terra dove non c'è acqua dolce. Tante bellezze, che rendono Pantelleria unica e rara. Pantelleria muore e una parte della nostra vita muore con lei. Rekale, Scauri, Balata dei Turchi, Nicà, Tracino, Montagna Grande sono andati in fumo. Per tre giorni la terra ha bruciato e i vigili del fuoco e i canadiar non riuscivano a domare il fuoco. Ancora oggi la terra brucia e si sente l'odore della cenere. Tutti siamo tristi e arrabbiati, ma non possiamo accusare nessuno perché non siamo giudici e non abbiamo le prove. Possiamo solo aiutare Pantelleria proteggendola. Come fare? 1. Piantare di nuovo degli alberi; 2. Proteggere i nuovi alberi dagli interventi umani distruttivi; 3. Costruire delle strade per raggiungere le zone più difficoltose e impervie di Montagna Grande; 4. Non inquinare.
5 Giugno 2016 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola