Minori non accompagnati, accordo per la scuola

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [5EA768FA] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [85JN6ELI] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [JA9ACWRZ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)

Minori non accompagnati, accordo per la scuola

Firmato un importante accordo fra Unicef, Itastra e CNR per il sostegno allo studio dei MSNA.

Intercultura

Un accordo fra Unicef, Itastra e CNR per il sostegno allo studio dei minori non accompagnati. I ragazzi migranti, una volta raggiunta l’alfabetizzazione, devono superare gli esami conclusivi del primo ciclo di istruzione; sono inseriti nelle scuole o nei CPIA, ma spesso l’offerta delle istituzioni non è sufficiente per colmare i loro bisogni linguistici, senza contare le difficoltà logistiche delle comunità che spesso non consentono la frequenza regolare della scuola. 

L’Unicef ha chiesto a Itastra di preparare materiali didattici destinati ai minori stranieri non accompagnati che frequentano in modo irregolare le scuole, o comunque per chi ha bisogno di integrare le attività di studio. Si tratta di materiali multimediali interattivi costruiti col supporto tecnico del CNR, per lo studio autonomo, da usare in contesti non formali, attraverso l’utilizzo anche semplicemente degli smartphone. Gli studenti potranno usarli per la massima parte in autonomia, mentre per alcuni passaggi è previsto un supporto di personale anche non specializzato, come gli operatori di comunità o altri volontari. In tutto sette moduli, due per il consolidamento delle competenze per la lingua della comunicazione, uno per preparare alla prova scritta e quattro per preparare al colloquio pluridisciplinare, previsto dalla normativa vigente a conclusione degli esami.

28 Dicembre 2017 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola