Due migrazioni diverse e parallele: un libro di Daniel Hernández Chambers e Federico Delicado

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [PPWZDIPU] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [51J1RV1A] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [JY7N8Y1C] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Due migrazioni diverse e parallele: un libro di Daniel Hernández Chambers e Federico Delicado

"Un viaggio diverso" mette in parallelo gli spostamenti, in direzioni contrarie, di un'oca assieme al suo piccolo e di una famiglia in fuga dalla guerra, aiutandoci a riflettere

un viaggio diverso libro

Mettere in parallelo la storia di due oche, madre e figlio, e di una famiglia in fuga dalla guerra. Due migrazioni, in direzioni opposte, molto diverse. L'intuizione è venuta allo scrittore Daniel Hernández Chambers che, assieme al disegnatore Federico Delicado, hanno dato vita al libro “Un viaggio diverso”, edito da Kalandraka. L'oca e il suo piccolo dall'Europa volano verso l'Africa in cerca di una temperatura migliore, la famiglia va nell'altro senso, cercando di affrontare le insidie via terra e via mare.

Il filo conduttore di entrambe le storie è infatti la paura dei piccoli di fronte al viaggio e ai pericoli che tutti devono affrontare, dai predatori alla mancanza di cibo. Il senso della narrazione, ma anche delle illustrazioni, non è solo quello di trasmettere tristezza quanto piuttosto consapevolezza e la speranza che nutrono tutte quelle persone in cerca di una vita migliore.

A questo link è possibile leggere un estratto del libro, che è consigliato per una lettura a partire dai sei anni. In Italia il testo è tradotto dallo spagnolo da Elena Cannelli.

 

 

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

24 Dicembre 2018 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola