Giorno della Memoria: “conoscere è necessario”

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [MSJ6WBBT] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [E8YITPF2] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [5G6SMTM7] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Giorno della Memoria: “conoscere è necessario”

Il 27 gennaio, anniversario della liberazione di Auschwitz, ricordiamo la Shoah: un libro e un appuntamento per tutti

Auschwitz

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario” (Primo Levi)
 

Oggi ricorre il giorno della memoria per commemorare la Shoah, in ricordo del 27 gennaio del 1945, giorno in cui furono abbattuti i cancelli di Auschwitz.

Celebriamo questa giornata segnalando un libro e un appuntamento:
 

  • Il libro Le mie mamme, di Renata Piątkowska (La Giuntina) racconta la storia di una giovane infermiera polacca che mise in salvo migliaia di bambini: Irena Sendler, grazie al suo impiego nei servizi sociali e al suo lasciapassare per il ghetto, creò una rete che salvò 2500 bambini ebrei e fece sì che non perdessero le tracce della loro identità.

Ma quante mamme si possono avere?! Io ne avevo già quattro. Quella vera, che era rimasta nel ghetto; la mamma Maria a Varsavia; la mamma Ania a Otwock; e infine la mamma Irena, che mi ha aiutato per tutto quel tempo e alla quale avevo promesso di ubbidire sempre…
 

  • Il 27 gennaio al Palazzo del Quirinale si tiene la cerimonia di Celebrazione del giorno della memoria. Anche quest’anno il MIUR, in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, ha indetto il concorso “I giovani ricordano la Shoah”, i cui vincitori verranno premiati nel corso della cerimonia al Quirinale.

 

 

  

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

27 Gennaio 2020 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola