“Mille e una storia. Mille e un’immagine”: arti ed eventi contro il razzismo

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [EZ7EE4T5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [V3AR9PZP] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [RW17KE96] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

“Mille e una storia. Mille e un’immagine”: arti ed eventi contro il razzismo

Iniziative in programma dal 17 al 19 maggio: i bambini, assieme all'artista Walid Taher, realizzano un'installazione fatta di 500 hulla hop sospesi in aria

hulla hop rimini maggio 2019

Mille e una storia. Mille e un’immagine”: è il titolo di una manifestazione che mira a contrastare il razzismo con 700 hulla hop messi assieme in un’opera collettiva realizzata dall’illustratore egiziano Walid Taher. L’iniziativa è promossa insieme alle famiglie della scuola dell’infanzia “Gambalunga” e della primaria “Ferrari” di Rimini, città in cui si tiene questa iniziativa dal 17 al 19 maggio. Il festival è organizzato nell’ambito del progetto E se diventi farfalla, coordinato dal Centro Zaffiria e finanziato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Cinquecento i bambini coinvolti come 500 sono i gatti immaginati dai bambini e disegnati su materiale plastico trasparente perché possano camminare sulle nuvole, guardandoli a testa in su. Le installazioni si trovano appese in via Gambalunga mentre al cinema Fulgor, insieme all’Istituto del mondo arabo di Parigi, venerdì 17 maggio si tiene un convegno sull’illustrazione e la letteratura araba per l’infanzia. Nel pomeriggio dello stesso giorno, spazio invece a un grande atelier a cielo aperto, in corso Giovanni XXIII. Nel weekend invece, si terranno due giorni di laboratori aperti alla città.

È stata anche creata un’app, scaricabile gratuitamente, che servirà per una caccia al tesoro “aumentata”: gatti nascosti nelle vie del quartiere attivano, se fotografati, le canzoni, le conte e le ninne nanne che le mamme del quartiere hanno registrato per i bambini. Sono suoni da tutto il mondo per trovare un linguaggio comune, come la musica.

Chiude il festival uno spettacolo prodotto ad hoc: Elisabetta Garilli Sound Project ha scritto e musicato un concerto che reinterpreta le canzoni delle mamme e racconta la storia musicale di 5 gatti. Diventerà un libro per Carthusia e una traccia del lavoro che le comunità possono fare: darsi un obiettivo comune per stare insieme, per costruire un noi complesso, positivo e inclusivo.

A questo link si può scaricare la locandina, invece a questo collegamento è presente il programma.

 

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

14 Maggio 2019 News

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola