Piper e la paura

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [VZJIBE1Y] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [ARSWV1KM] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [1HT9LSYC] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Un video e suggerimenti didattici per parlare di emozioni, paure e resilienza. Di Maria Frigo

Piper

Il piovanello è un uccello che ogni anno compie una grande migrazione, dalle terre artiche come il Canada, la Groenlandia e la Siberia sino al Sud Africa. È caratteristico il suo particolare modo di procurarsi il nutrimento: in riva al mare, cammina saltellando sulla battigia e con il lungo becco cattura le piccole prede spinte dalle onde sulla spiaggia, ritirandosi poi prima dell’arrivo dell’onda seguente.
Nel breve video della Pixar (vedi sotto), Piper è un tenero piovanello che vive in riva al mare insieme alla sua mamma e a tutto un gruppo di simili. Quando la mamma lo invita per la prima volta a cercare da solo il cibo, viene travolto da un’onda e si spaventa tantissimo. Per un po’ resta bloccato dal grande spavento e si nasconde nel nido, ma poi si fa coraggio e, osservando il comportamento resiliente di altri animaletti marini, impara un suo particolare modo per affrontare la paura dell’onda. Questo apprendimento lo porta a vedere il mondo da una prospettiva differente e a fare cose utili per tutta la sua comunità.

Suggerimenti per utilizzare il video in classe

Piper può essere un’ottima introduzione a temi importanti di riflessione collettiva e a comportamenti positivi che pensiamo sia opportuno gli alunni sappiano riconoscere e praticare: reagire di fronte alle avversità, osservare e imparare dagli altri, saper cambiare prospettiva, condividere
Ecco alcuni suggerimenti per utilizzare il video, in relazione all’età dei nostri alunni e agli obiettivi linguistici ed educativi.

a. Individuare alcuni fotogrammi significativi e fare descrivere dai bambini le scene e i protagonisti con domande come Chi è? Dove è? Che cosa fa?

b. Chiedere di spiegare le relazioni tra le parti del racconto visivo (per esempio, nella scena iniziale, Perché la mamma chiama Piper? Perché Piper nel nido aspetta il cibo con la bocca aperta? Perché Piper corre verso la spiaggia?).

c. Indirizzare verso la comprensione delle emozioni (Secondo te, come si sente Piper quando l’onda lo travolge? Da che cosa lo capisci?).

d. Sollecitare il riconoscimento delle risorse di ognuno (Racconta una volta che anche a te è capitato di sentirti spaventato. Come hai superato questa paura? quali pensieri e azioni ti hanno aiutato? E dopo, come ti sei sentito?).

 

 

24 Dicembre 2019 In classe

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola