Come stai imparando in questo momento? Una proposta per motivare gli alunni nella didattica a distanza

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [9V1TUN7D] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [VSYQI5FH] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [G7TVKK8J] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

Come stai imparando in questo momento? Una proposta per motivare gli alunni nella didattica a distanza

Difficoltà e le opportunità della didattica a distanza: che cosa ne pensano i ragazzi? Quattro tappe per una lezione DAD, per raccogliere i loro pensieri e condividere i cambiamenti. Di Francesca Tamanini

luatti_marzo_motivazione.jpg

Ho verificato in queste settimane che uno dei rischi della didattica a distanza è quello di mettere i ragazzi in una posizione di passività, di accoglienza ed esecuzione delle proposte senza poter interagire, prendere la parola, riflettere su quello che stanno facendo.

Come renderli partecipi e attivi, sollecitando la motivazione e l’auto-riflessione?  

Attraversando l’esperienza della didattica a distanza, gli alunni si trovano ad affrontare ostacoli di tipo strumentale, relazionale e organizzativo. Ma per chi riesce a interpretare le “difficoltà” accettandole come “sfide” la situazione può assumere una prospettiva molto diversa, all’interno della quale ciascuno vive un’opportunità di migliorare se stesso.

La sfida motivazionale è importante perché promuove la maturazione di atteggiamenti legati allo sviluppo: se un ragazzo acquisisce la capacità di allineare le proprie azioni verso una scelta, allora avrà maggiori possibilità di superare delle difficoltà per vincere le proprie sfide.

La proposta è dunque quella di dedicare un po’ di tempo di una video lezione ad un confronto sul tema della motivazione, per risvegliare negli alunni una riflessione meta-cognitiva e per condividere un ragionamento sulle strategie più utili per l’apprendimento a distanza.

 Quattro tappe per una lezione a distanza 

Warming-up

Si potrebbe preparare la lezione invitando  gli alunni a collaborare, alcuni giorni prima, alla realizzazione di un poster virtuale sulle motivazioni all’apprendimento, attraverso la compilazione di un padlet dal titolo “che cosa ti spinge ad imparare?”. Durante la video lezione, l’insegnante potrebbe iniziare proiettando il padlet di classe sullo schermo.

 

  

Svolgimento

A questo punto si invitano gli alunni a spiegare le proprie riflessioni: perché impari? quando dici a te stesso che hai imparato bene? quando ti accorgi di aver imparato bene? come superi le difficoltà in questo periodo di apprendimento a distanza?

Mentre gli alunni si esprimono, l’insegnante prende appunti per creare poi una sintesi di quanto la classe ha espresso, che verrà aggiunta al padlet di classe.

Attività

Alla fine del confronto, si dedicano alcuni minuti alla scrittura: ciascuno analizza un aspetto del proprio apprendimento che vorrebbe migliorare in questo periodo di didattica a distanza, descrivendo la strategia che utilizzerà. L’insegnante può completare il discorso, offrendo qualche ulteriore indicazione o riprendendo qualche aspetto importante che è stato evidenziato.

 

    

Condivisione

In chiusura, gli alunni che lo desiderano leggono il proprio pensiero alla classe. L’insegnante completa il padlet e lo pubblica sullo spazio di classe. La settimana successiva ognuno potrà dare un feedback su come ha modificato le proprie attività di apprendimento e sulle sensazioni che ha vissuto.

Buona sfida e buona sperimentazione!

12 Maggio 2020 Dalle scuole

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola