Il Ritratto è nel piatto!

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [915LIGAB] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [HQBAWVP5] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [SBU98EV8] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:21:string '-3' (length=2)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:22:int -3

“Il cibo nell’arte” è uno degli spunti di lavoro proposti da EXPO Scuola 2015. Ecco un percorso per scoprire che il cibo si può gustare con la bocca ma anche... con gli occhi!

L'accesso alle risorse di questa sezione è riservato ai seguenti profili

Entra Non sei ancora registrato? Fallo ora!
Il Ritratto è... nel Piatto!

Riflettiamo insieme ai bambini sul fatto che il cibo, oltre che buono, può essere anche “gustoso” e “appetitoso” per la vista.

Lo sanno bene gli artisti che spesso nei secoli, hanno scelto gli alimenti come soggetti di grande interesse per la creazione delle loro composizioni pittoriche.

Ad esempio Giuseppe Arcimboldi, detto l’Arcimboldo, un pittore italiano del Cinquecento, utilizzò frutta, ortaggi, verdure, pesci e altri alimenti per realizzare tanti affascinanti ritratti che hanno mantenuto nel tempo la loro originalità.

Proviamo a realizzare in sezione un ritratto alla maniera dell'Arcimboldo.

Primi passi

Per introdurre quest’attività facciamo vedere al gruppo alcune stampe dei famosi e riconoscibili ritratti realizzati dal pittore e rivolgiamo ai bambini una serie di semplici domande utili a capire le opere presentate:


  • Che cosa rappresentano?

  • Cosa usa l’artista per comporre questi volti?

  • Quali frutti, ortaggi o altri alimenti sono raffigurati?


Dopo aver guardato, esplorato e curiosato dentro le immagini artistiche, passiamo a sfogliare le riviste di cucina per osservare, scegliere, stampare e ritagliare numerose immagini relative al tema dell’alimentazione, poi con la tecnica del collage divertiamoci a creare originali composizioni…alla maniera dell’ Arcimboldo.

Materiali

  • Immagini (frutta, verdura e cibi vari)  ritagliate da riviste di cucina o trovate sul web e poi stampate;
  • colla stick;
  • piatti di carta molto grandi;
  • cartoncini bristol colorati;
  • etichette adesive rotonde.
     

Procedimento

  • Scegliere la frutta, la verdura e altri alimenti per comporre il ritratto. L’insegnante stimola e supporta i bambini con giocosi suggerimenti:  Che ne dici di questo melone per fare la testa? E di questa banana per la bocca? E di due fragole per gli occhi? E così via…
  • Incollare sul bristol colorato un grande piatto di carta e su questo elemento centrale costruire una sagoma utilizzando soltanto immagini riguardanti i vari cibi.
  • Scegliere l’immagine di un frutto o di una verdura da incollare al centro di una rotonda etichetta bianca
  • Trascrivere una piccola rima partendo dal nome dell’alimento scelto sulla targhetta adesiva, poi incollare il tutto al centro del piatto. Ecco qualche esempio di rima:

Il carciofo verde scuro è un ortaggio sano e sicuro!
Il lampone del bosco è il frutto più buono che conosco!

A conclusione di questo giocoso viaggio intorno al cibo, una vera e propria scorpacciata artistica, proponiamo ai bambini un nuovo menu, questa volta composto di filastrocche e canzoni da ascoltare e cantare in coro per vivere insieme le saporite esperienze di una giornata alimentare: la colazione, il pranzo, la scoperta di nuovi sapori e perché no anche i fastidi di una noiosa, ma passeggera indigestione.

Per esempio, possiamo cantare insieme Buon appetito, piatto pulito!, una filastrocca sul piacere di stare a tavola e imparare ad apparecchiare (Testo di: P. Nencini, Musica di: P. Galli).

Gli abbonati a "Scuola dell'infanzia" possono trovare altre musiche e filastrocche su cibo, pasti e arte tra i Materiali didattici, nella sezione Musiche e canzoni. Vi consiglio in particolare:

Patrizia Nencini: 10 Settembre 2014 Articoli

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola