Conciliazione dei tempi e famiglia: anche la scuola deve fare la sua parte

Entra in Giunti Scuola

Hai dimenticato i dati di accesso?

Non sei ancora registrato?

Entra anche tu a far parte della più grande community di insegnanti italiani sul web!

Perché dovrei registrarmi?

Array
(
    [cmg_userData] => Array
        (
            [localhost%%gs_prod] => Array
                (
                    [profile] => ANONYMOUS
                    [groups] => Array
                        (
                            [-2] => SanchoEverybody
                        )

                )

        )

    [cmg_channels] => Array
        (
            [C65KUDIJ] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => cmg_processURL
                )

            [WN929224] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

            [V8QEJU14] => Array
                (
                    [type] => method
                    [methodName] => sancho_Object_showUp
                )

        )

    [cmg_lang] => 
)
/var/www/custom/src/gs/loginBar/index.html:20:boolean true

Conciliazione dei tempi e famiglia: anche la scuola deve fare la sua parte

La lettera di una madre al Corriere solleva il tema del difficile equilibrio tra coinvolgimento delle famiglie e conciliazione tra vita lavorativa e ruolo genitoriale: qualcosa di cui forse a scuola non parliamo abbastanza. Di Emanuele Contu

mamma con bambina

Pochi giorni fa, il Corriere della Sera ha pubblicato una lettera che sollecita riflessioni in chiunque lavori a scuola. Una mamma, che si definisce «diversa e meno presente nella vita dei miei bambini rispetto alla maggioranza delle altre mamme», racconta la fatica di conciliare una vita professionale impegnativa con le richieste di partecipazione ad attività, spettacoli, feste della scuola collocate non di rado in orari poco praticabili per una lavoratrice.

Questa «rafforzata richiesta di partecipazione familiare (oltretutto male amalgamata alla rigidità organizzativa degli orari)», si scontra con mamme «sempre meno giovani» e «con la mutata composizione delle famiglie, sembrando adattarsi a un’epoca di mamme tutte casalinghe».

Conciliare i tempi: la scuola deve fare la sua parte

Il tema della conciliazione dei tempi è cruciale. Il compito di individuare misure e strumenti per favorire un’equilibrata relazione tra vita familiare e sociale, da una parte, e vita professionale dall’altra, investe le organizzazioni del lavoro e la struttura sociale nel suo complesso, quindi anche alla scuola.

Occorre quindi non sottrarsi alla domanda: le nostre scuole hanno la capacità di comprendere queste esigenze, bilanciando la tutela dei diritti di docenti e personale ATA con quella dei genitori? Se è infatti importante coinvolgere nella vita scolastica mamme e papà, soprattutto negli anni della scuola dell’infanzia e primaria, è altrettanto necessario mettere in atto modalità organizzative che favoriscano la partecipazione di tutti. Evitando che chi può esserci di meno, debba sperimentare senso di inadeguatezza o sentirsi oggetto di giudizio.

Educazione e ruolo della donna

L’impatto è soprattutto sulle donne. Lo dice bene, ancora una volta, la lettera pubblicata sul Corriere, quando sottolinea come siano più di frequente le mamme a intervenire alle feste, partecipare alle riunioni, assumere il ruolo di rappresentante. Il tutto in un Paese nel quale la femminilizzazione della professione docente è tra le più alte, in particolare nei primi anni di scuola: i maestri in Italia sono lo 0,70% alla scuola dell’infanzia e il 3,64% alla primaria. Il rischio è che, rinunciando a sollecitare e favorire la presenza dei padri in misura almeno pari a quella delle madri, anche la scuola contribuisca «a perpetrare nelle menti dei nostri bambini l’accostamento infanzia-doveri femminili», rinunciando a priori a presentare modelli più equilibrati di ripartizione dei ruoli educativi e di accudimento.

   

Conosci le riviste Giunti Scuola? Apri questo collegamento e scopri le offerte dedicate a La Vita Scolastica, Scuola dell'Infanzia, Nidi d'Infanzia e Psicologia e Scuola, oltre alla nostra Webtv!

Emanuele Contu: 21 Gennaio 2019 Articoli

Condividi

Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Entra in Giunti Scuola